Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Persone nel Poker | Facce da Poker

Liz Lieu: Cuore e Stile

Condividi
Liz Lieu è un emblema del poker, la perfetta combinazione tra bellezza, stile e abilità. Il suo primo incasso alle WSOP è un segno inequivocabile del suo valore come giocatrice: 5ª nel 2005 al $1.5k NLH event per $168'590. I giocatori che sono riuscit a superarla in quella occasione erano CK Hua, Dave "Devilfish" Ulliott, Scott Fischman, ed il vincitore Allen Cunningham. Nonostante questo il suo cuore e la sua passione vivono altrove, lontano dal poker, ed è qui che abbiamo avuto occasione di conoscere a fondo il carattere che si nasconde dietro questo bel viso.

Liz spende il suo tempo lontano dal tavolo dividendolo per occuparsi di tre aree a cui dedica la sua passione: la sua famiglia, la fondazione Women In Need (WIN), e tornando alle zone rurali del Vietnam.

La WIN è una fondazione no-profit avviata da Dr. Tracy Kemble. La WIN ha quattro principi di azione per le sue missioni: la WIN si impegna a migliorare la salute emotiva, l'autostima e l'aumento del potere di tutte le donne; la WIN si impegna ad aiutare coloro che sono in difficoltà o sono debilitate a causa di condizioni passate o che desiderano crearsi una nuova vita; la WIN crede che gli abusi non siano una malattia, ma un comportamento appreso. Pertanto la WIN intende educare, ispirare, prevenire e fornire gli strumenti sia a uomini che a donne.


"Una mia amica era parte della WIN e mi ha indotto a farne parte a mia volta," ha detto Liz. "Sono stata colpita dalla sua forza per aiutare le donne in condizioni di abuso. Dopo aver partecipato al primo incontro con lei mi sono fatta coinvolgere e da allora non ne sono più uscita."

Liz va agli incontri e dona una percentuale delle proprie vincite alla WIN. "Il pubblico vede il lato glamour del poker, ma l'industria del poker non è solo questo. E' un business competitivo uno di quelli pieni di stress. Può essere un lavoro molto difficile per chiunque debba sedere al tavolo e cercare di fare soldi per permettere a coloro che lo circondano di vivere, e credo sia particolarmente difficile per le donne. La WIN non ha nulla a che fare con il poker ma a me ha dato grandi soddisfazioni.

Liz ha anche un'altra grande passione, tornare alle piccole aree rurali in Vietnam. "Noi vogliamo aiutare gli sfortunati della mia nazione," ha detto Liz. "Sono tornata in Vietnam sette anni fa con un paio di amici. Il Vietnam è cambiato completamente da quando l'ho visto la prima volta ad oggi e lo ha fatto per il meglio. Durante quella prima visita vi erano numerosissime persone per le strade a chiedere l'elemosina. Era uno stato estremamente povero. Mi ha fatto paura.."

Il Vietnam è divenuto un ricordo distante quando il suo poker ne ha preso il posto. "Non vi sono tornata per due anni ed in quel periodo sono quasi finita sul lastrico.

Con il suo look attraente ed il carisma, Liz è diventata un magnete per il marketing. "Mi sento realmente fortunata per quello che sono riuscita ad avere. Ci sono così tanti bravi giocatori asiatici che non arrivano ad avere la visibilità che ho io. In un certo senso non è giusto. Credo che vedremo sempre più giocatori asiatici ricevere i giusto riconoscimento."

"Lo scorso novembre sono andata al Betfair Asian Tour di Singapore. Avevo in programma di fermarmi per una settimana ma ho poi allungato il soggiorno perché la c'è davvero un grande bisogno. Ho lavorato dal mattino alla sera. Sono innanzitutto andata in un orfanotrofio".

"Mio padre e mia madre hanno educato me e mia sorela molto bene. Ci hanno insegnato a rispettare le persone e ad essere sincere. Erano molto, molto severi quando eravamo giovani ed io non ero di certo un angelo."

Bisogna ammetterlo, Liz Lieu ha un cuore molto più grande di quello che può nascondere la piccola giocatrice che sfida i migliori giocatori di poker.