Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Poker Online | Guida Poker Online

Quanto sei Bravo Davvero?

Condividi
Non ci sono molti modi per valutare i giocatori di poker, braccialetti o denaro vinto, ma anche se non possono mentire in merito ai braccialetti, molti giocatori mentono in merito al denaro che vincono. Quelli che non esagerano in merito alle vincite in genere dicono di avere preso almeno il doppio di quanto abbiano fatto in realtà. Alcuni siti di poker quali BoDog , Full Tilt Poker e PokerStars hanno classifiche generali che possono dare un'idea di quanto abbiano vinto o perso anche se queste sono orientate principalmente ai grandi tornei. I giocatori con i minori bankroll che non giocano nei grandi garantiti, rientrano raramente nelle liste.
Guardiamo come un sistema di valutazione potrebbe essere sviluppato e come possiate impiegarlo per un'auto-valutazione.

Innanzitutto guardiamo ad un ipotetico testa a testa di Holdem, nel quale avete il doppio dell'abilità del vostro avversario. Dato che questo è una prova su una singola situazione e che ci occuperemo di quelle con più avversari più avanti, sarà bene iniziare al negativo considerando le possibilità che perdiate, anziche quelle che vinciate. Ci sono due possibili risultati. Vincerete o perderete. Per ogni volta che perdete voi, il vostro avversario dovrebbe perdere due volte. Le possibilità che siate eliminati per primi sono 1:2 o 1/3. (Questo significa ovviamente che vincerete 2/3.)

Continuiamo ora considerando tre giocatori e dando per scontato che la vostra abilità sia doppia rispetto quella degli avversari. In questa partita, per ogni volta che sarete eliminati per primi ognuno dei vostri due avversari sarà eliminato per primo due volte. Pertanto la possibilità che siate eliminati per primi è 1:(2+2), 1:4 o 1/5. Sarete quindi eliminati per primi il 20% delle volte. Quindi il gioco si ridurrà ad un testa a testa per il secondo posto e voi sarete eliminati 1/3 o 33% delle volte. Le possibilità che siate eliminati secondi o terzi sono .33(.80)+.20 = .266.+.20 = 46.6% delle volte. Dovreste vincere circa il 53% delle volte.

Dovreste ora avere un idea di come calcolare il vostro tasso di vittorie previsto. Andiamo ad un sSit & Go da 10 posti e calcoliamo le possibilità che siate eliminati ad ogni successivo livello.

10° posto: 1:(2+2+2+2+2+2+2+2+2)=1:18=1/19=.053=5.3%
9° posto: 1:(2+2+2+2+2+2+2+2)=1:16=1/17=.059=5.9%
8° posto: 1:(2+2+2+2+2+2+2)=1:14=1/15=.067=6.7%
7° posto: 1:(2+2+2+2+2+2)=1:12=1/13=.077=7.7%
6° posto: 1:(2+2+2+2+2)=1:10=1/11=.091=9.1%
5° posto: 1:(2+2+2+2)=1:8=1/9=.111=11%
4° posto: 1:(2+2+2)=1:6=1/7=.143=14%
3° posto: 1:(2+2)=1:4=1/5=.200=20%
2° posto: 1:(2)=1:2=1/3=.333=33%

Possiamo quindi calcolare le possibilità che siate ancora in gara in ogni livello.

9° livello: 1-.053=.947=94.7%
8° livello: 1-(059*(.947)+.053)=1-.109=89.1%
7° livello: 1-(067*(.891)+.109)=1-.169=83.1%
6° livello: 1-(077*(.831)+.169)=1-.233=76.7%
5° livello: 1-(091*(.767)+.233)=1-.303=69.8%
4° livello: 1-(.111 *(.698)+.303)=1-.380=62%
3° livello: 1-(.143 *(.62)+.38)=1-.469=53%

Un giocatore con abilità doppia rispetto a quella degli altri 9 avversari dovrebbe andare a premio in un torneo a 10 circa il 53% delle volte. Su Full Tilt Poker, dove i tornei a tavolo singolo sono a 9 posti, dovreste andare a premio circa il 56% delle volte.

2° livello: 1-(.200 *(.531)+.469)=1-.575=42.5%

Vincitore: 1-(.33 *(.425)+.575)=1-.715=28.5%

Questo metodo può essere impiegato per calcolare il tasso di vittoria che ci si deve attendere in tornei con qualsiasi numero di giocatori e anche per i grandi tornei multi tavolo i numeri sono altrettanto sorprendenti. Un giocatore con un'abilità due volte superiore a quella media dovrebbe andare a premio contro 45 avversari il 44% delle volte, contro 500 con 60 pagati, il 55% delle volte.

Quali conclusioni possiamo trarre da questi numeri? Le differenze nel livello di abilità tra giocatori di poker sono significativamente minori di quanto si possa immaginare. Noi probabilmente non siamo tre volte più bravi dei nostri avversari ma nemmeno Phil Ivey e Daniel Negreanu sono tre volte più bravi di noi.

GL
jb