Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | World Series of Poker | WSOP

Delle Vere World Series of Poker

Condividi
Il tavolo finale del main event di quest'anno è partito con più profumo internazionale di quando abbia mai fatto in precedenza. Solo quattro americani sedevano tra i primi nove ritrovatisi per contendersi il titolo di campione. Vi erano con loro due britannici, un russo, un canadese ed un sudafricano.

Al posto 1, sedeva John Kalmar di Chorly, Lancashire, Inghilterra. Il trentaquattrenne professionista di poker è solito giocare principalmente in inghilterra. Non era riuscito ad andare a premio in un evento preliminare ed era pronto a tornare presto a casa. Ha però deciso di non pagare i $600 extra per pagare il volo ed ha invece impiegato il denaro per giocare nell'ultimo super satellite per un posto al main event. Ha vinto quel posto ed il resto è storia.

Al posto 3, sedeva Phillip Him di Cambridge, Inghilterra, che partiva da chip leader ad inizio giornata con $22 million in chips. Lui è originario della Danimarca.

Al posto 5, si trovava Raymond Rahme di Johannesburg, Sud Africa. E' lui il primo africano a fare la comparsa al tavolo del main event. Avendo 62 anni è anche il giocatore più vecchio al tavolo finale. Ha fatto quarto recentemente in un campionato di poker tutto africano. Uno dei premi vinti in quell'occasione era l'accesso a questo main event.

Al posto 6, sedeva Tuan Lam di Mississauga, Ontario, Canada. Nativo del Vietnam, è immigrato in Canada all'età di 19 anni. Ora gioca a poker professionalmente nelle cardrooms della zona di Toronto.

AlI posto 7, si trovava Alex Kravchenko di Mosca, Russia. E' lui il primo cittadino russo a vincere un braccialetto d'oro delle WSOP primato ottenuto quando ad inizio serie ha conquistato l'evento di $1'500 Omaha Hi-Low. Nel 2001, aveva vinto l'Austrian Masters Pot-Limit Championship ed il Russian Pot-Limit Championship. Vanta anche il titolo di campione nell'Hold'em conquistato nell'Helsinki Freezeout del 2002.

I giocatori americani erano Lee Childs al Seat 2, Jerry Yang al Seat 4, il ben noto professionista Lee Watkinson al Seat 8 ed Hevad "Rain" Khan al Seat 9.

Lo scorso anno il tavolo finale era costituito quasi esclusivamente da americani con la sola eccezione dello svedese Erik Friberg.

Il final table del 2005 presentava soli tre stranieri, incluso il vincitore australiano Joseph Hachem, il quinto classificato Andy Black, irlandese, e lo svedese Daniel Bergsdorf che concluse settimo.

Il primo giocatore non americano a vincere le WSOP fu il gallese Mansour Matloubi che si assicurò il primato nel 1990. Lo hanno seguito il vietnamita Scotty Nguyen campione nel 1998, il campione del 1999 Noel Furlong - irlandese - ed il campione del 2001, lo spagnolo Juan Carlos Mortensen

Nolan Dalla, media director delle WSOP, mi ha recentemente confidato di attendersi una crescita di questa internazionalizzazione dell'evento con una crescita globale del gioco.