Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Poker Live | Vari articoli

Fortuna vs. Skill nel Poker

Condividi
L'argomento scottante che torna sempre in primo piano soprattutto tra i giocatori alle prime armi ed in genere subito dopo qualche bad beat è sempre: dovrebbe essere tutta questione di fortuna, giusto? Diciamolo subito, questo è assolutamente falso. Quando mettete tutte le vostre chips sul tavolo con la mano migliore e qualcuno fa call con un progetto di scala ad incastro e riesce a chiudere il proprio punto, non c'è nulla che possiate fare.

Eccetto pensare alla matematica:

Ci sono siti di poker che vi mostrano le chances di vincere la mano con un all-in e se siete nettamente favoriti ma poi vi trovate sul tavolo quel 2-4% che trasforma il vostro vantaggio in una bad beat, voi avete ovviamente fatto la cosa giusta. Quelle circostanze si verificano purtroppo e come la maggior parte dei pro direbbe... 'potresti anche non ricordare le grosse vincite con i progetti di punto che ti ritrovavi chiusi al river, ma ricorderai per sempre quella bad beat subita quando eri in clamoroso vantaggio.' Questo di base riflette la nozione che con il tempo, se si gioca abbastanza a lungo e abbastanza frequentemente, le odds si faranno sentire e volgeranno a vostro favore. E' un semplice concetto di probabilita e statistiche.

Ad esempio, se due persone scommettono sul lancio della monetina ed uno ha vinto gli ultimi dieci lanci scommettendo sempre su testa, qualcuno potrebbe credere che puntando l'undicesima volta su croce si abbiano maggiori probailità di vincita. Sbagliato! Nel tempo, le percentuali di testa e croce risulteranno esattamente 50/50. Questo significa che all'undicesimo lancio non avrete maggiori probabilità di vincere puntando su croce di quante ne avreste puntando su testa. Funziona così... dipende solo da come siete partiti.

Un altro esempio che può confondere molti giocatori riguarda il modo di giocare i progetti di punto, spesso pensando che dopo il flop, dovendo ancora ricevere due carte comuni abbiate ottime possibilità di ottenere la carta che potrebbe chiudere il vostro punto. Sfortunatamente, la maggior parte delle volte, le vostre possibilità di vincere la mano peggiorano anziché migliorare se decidete di continuare ad inseguire il progetto di punto. Nella migliore delle ipotesi, la percentuale resta la stessa. Alcuni nuovi giocatori potrebbero addirittura pensare che dato che ci sono meno carte nel mazzo, dopo il flop ed il turn, le loro percentuali potrebbero davvero alzarsi. Se è questo quello che guida il vostro modo di decidere, allora semplicemente non comprendete la matematica.

Per spiegarci meglio, diciamo che siete in negozio e vi sono quattro cartoni di latte rimasti ma che uno di questi sia scaduto. Le vostre possibilità di scegliere il cartone scaduto sono di 1/4. Se qualcuno prendesse un cartone allora le possibilità di prendere il cartone scaduto per voi calerebbero ad 1/3, giusto? No. E' sempre quello con cui siete partiti. C'erano quattro cartoni in partenza, quindi le vostre chance, anche se vi è un solo cartone rimasto, sono sempre 1/4 di prendere il cartone scaduto. So che molti staranno scuotendo la testa per nulla convinti, ma è proprio così.

Le persone hanno continuamente colpi di fortuna nel poker e tutti noi leggiamo a questo proposito in internet o lo vediamo in televisione. Nonostante questo se il vostro modo di pensare si appoggia su concetti matematici corretti, sul lungo periodo, sarete giocatori vincenti, anche sentendo di giocatori che attraversano periodi negativi di settimane o mesi. Succede. L'abilità si imporrà sulla fortuna.

Non fatevi quindi frustrare da poche bad beats. Ricordate che con il giusto approccio ed i tempi necessari, il vostro bankroll continuerà a crescere.