Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Gioco d'azzardo e legge

Primo Ministro di Antigua Arriva a Washington

Condividi
Il primo ministro di Antigua e Barbuda si dice fiducioso sul fatto che l'incontro di questa settimana con il congresso Americano aiuterà a trovare una soluzione per la battaglia in corso con gli Stati Uniti a causa dell'UIGEA.

Il primo ministro Baldwin Spencer discuterà il problema con i rappresentanti di New York, Charles Rangel, presidente dell'House Ways and Means Committee, e tre altri membri del Congressional Black Caucus questa domenica.

"Speriamo che dopo questo dialogo Charlie Rangel abbia maggior rispetto per la posizione di Antigua e Barbuda" ha detto Spencer.

Antigua accusa gli USA di aver praticamente estromesso la propria industria operante nel settore del gaming impedendo agli americani di puntare e scommettere online.

L'UIGEA, che ha vietato alle compagnie che controllano le carte di credito americane di gestire ogni pagamento diretto fuori dello stato o verso siti online per il gioco, è entrato in vigore nell'ottobre 2006. Antigua afferma che il congresso Americano abbia bloccato non solo la loro nazione ma l'intero mondo degli operatori nel settore del gioco impedendo a tutti indistintamente di accedere al ricco mercato americano.

Antigua ha portato il caso alla corte del WTO , chiedendo 3.4 miliardi di dollari come compenso per le sanzioni economiche imposte dagli USA. Sino all'approvazione dell'UIGEA la piccolo nazione di Antigua e Barbuda basava tutta la propria economia sulla gestione di siti di gioco online oltre che sul turismo.

Rangel dal canto suo afferma di credere che le due "grandi nazioni devono negoziare queste differenze in termini di equità e correttezza." Ha poi aggiunto di credere "che Washington si sia spinta oltre quella che è la sua autorità".