Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Lontano dal tavolo

Google, Yahoo e Microsoft pagano multe per il gioco d'azzardo su Internet

Condividi
Con l'intensificazione dei controlli sulla sponsorizzazione dei siti di gioco d'azzardo offshore, i tre grandi motori di ricerca americani, Google, Yahoo, e Microsoft hanno accettato un grosso accordo finanziario.

L'accordo è il risultato di una indagine governativa che accusa le tre compagnie di aver promosso il gioco online attraverso pubblicità. Le compagnie violavano le leggi anti-gambling guadagnando con la loro pubblicità fin dal 1997.

Il dipartimento di giustizia ha rilasciato una dichiarazione che rivela che l'accordo di Microsoft è di $21 milioni di dollari. Di questa cifra, $4.5 milioni deve essere pagata agli US e $7.5 milioni al Centro Internzionale per bambini scomparsi e sfruttati.

Oltre all'accordo di $21 milioni di dollari, Microsoft ha promesso di spendere almeno $9 milioni di dollari per una campagna online anti-gambling. Essa avrà come target i giovani utenti di internet al fine di scoraggiarli dal gioco online. La campagna inoltre sottolineerà il fatto che il gioco online è una attività illegale negli Stati Uniti.

Anche se non pagheranno tanto quanto Microsoft, Yahoo ha raggiunto un accordo di 7.5 milioni, mentre Google pagherà $3 milioni. Yahoo ha inoltre accettato di fondare anche lei una propria campagna anti-gambling, ma non ha ancora annunciato il budget per essa.

Nessuna delle tre compagnie ha ammesso alcuna responsabilità nelle accuse.

L'avvocato Catherine Hanaway, commentando gli accordi ha detto, ”Queste somme si aggiungono agli oltre 40 milioni di dollari in confische che questo ufficio ha già recuperato negli anni recenti dagli operatori di queste imprese di gioco illegale comandate a distanza. I contribuenti onesti e il personale dell'industria del gioco d'azzardo che seguono le leggi soffrono coloro che promuovono comportamenti di gioco online illegale."

Ci sono diversi stati che per il proprio statuto e le proprie leggi avrebbero potuto intentare causa alle tre compagnie se il Dipartimento di Giustizia avesse deciso di portarle davanti ad una corte. Le leggi usate più comunemente per accusare i colpevoli del gioco d'azzardo online sono la Federal Wagering Excise Tax law e il Federal Wire Wager Act.