Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Persone nel Poker | Interviste sul Poker

La tavola rotonda – Peter Neff – Giocatore numero 1

Condividi
Peter Neff gioca a poker a tempo pieno da soli due anni è si è già fatto un nome. Ha vinto quasi $1.5 milioni di dollari online e live e di recente è arrivato 36esimo al 2008 WSOP Main Event. Puoi trovarlo a giocare online nei migliori tornei sotto lo pseudonimo di number1pen.

KL: Come sei finito a giocare a poker?

Peter: Ho cominciato al liceo con gli amici giocando a casa e cose del genere. Da lì ho messo soldi online e ci ho provato. Gioco da circa 5 anni ora.

KL: Dove giochi?

Peter: Gioco in molti siti differenti. Su PokerStars, Full Tilt , Absolute Poker e Ultimate Bet. Di solito gioco anche su tutti gli altri siti, Paradise Poker e Party Poker. Iil mio denaro è diviso tra tutti questi siti diversi.

KL: A cosa giochi di solito?

Peter: Gioco per il 90% a tornei multi-table. Prima giocavo molto sit-n-go’s e cash e speravo di accedere ad un torneo. Gioco regolarmente tornei ora da circa due anni e mezzo.

KL: Ci sono molte persone che lottano per avere successo nel poker online e tu ovviamente hai trovato il modo per farlo. Quali combinazioni di cose pensi portino l’abilità per fare questo?

Peter: Sono andato sempre piuttosto bene in matematica, ed è stata la materia migliore al liceo. Avevo sempre il pallino per lei ed andavo veramente forte.Penso che anche la pazienza abbia molto a che fare con quello. Dico ai miei amici che dovrebbero esserlo ma loro dicono che non hanno abbastanza pazienza. Spero di avere la pazienza. Mi viene facile prendere il poker sul serio e vivere una vita al di fuori.

KL: Leggi libri o ti studi il gioco?

Peter: Non ho mai letto un libro o visto un video sul poker. L’unica cosa che io abbia mai fatto da poter considerare studio è guardare il gioco cash con high stakes online e guardo i giocatori ai tornei multi-table che reputo bravi. Guardo ed imparo. Nei video di poker ti permettono di vedere le carte nascoste per cui, guardando il gioco cash con high stakes e sapendo quali sono le carte nascoste quando puoi vederle impari qualcosa. Spero di superare le situazioni difficili senza vedere le carte nascoste degli altri.

KL: Quando hai cominciato a giocare nel circuito live?

Peter: Appena ho compiuto 21 anni. Ho recentemente giocato alle Bahamas a 19 e 20 anni. Subito dopo il mio 21esimo compleannno ho giocato il torneo di Borgata e l’ho fatto per un anno e mezzo dopo aver compiuto 21 anni, giocando più buy-ins da 10k che potevo.

KL: Il Main Event è uno dei tuoi tornei preferiti?

Peter: Si, E’ una grossa struttura. I suoi livelli da 2 ore difficilmente puoi trovarli in altri tornei. Hanno aggiunto un po’ di livelli differenti per renderlo un torneo più lento. Ha anche il maggior monte premi perché ci gioca tanta gente. La combinazione di queste cose lo rende il mio preferito.

KL: Ti è andata bene quest’anno al Main Event. Come è cominciata?

Peter: Il primo giorno ero ad un tavolo davvero difficile. Mi sono seduto ed ero con David Benyamine, Roland de Wolfe e tsoprano,erano tutti al mio tavolo. Al primo tavolo ero molto nervoso. Roland giocava fuori dalle righe. C’era una coppia di ragazzi al tavolo non bravi come noi ma troppo fuori dalle righe or else those 3 guys were going to pick you off.

Il primo giorno è stato davvero difficile è sono stato nervoso fino a che ho lasciato il tavolo. Sono stato in grado di racimolare circa 29,000 con gli Assi contro le Q con Roland de Wolfe e non c’era verso di farlo lasciare. Ero soltanto nervoso al primo tavolo e poi mi hanno spostato ad un altro tavolo. Non appena mi sono spostato sono stato in grado di manovrare meglio le cose e mettermi in una posizione migliore.

Ricordo che c’era una mano dove avevo un 5 giocatori avevano limpato e al flop ho avuto doppia coppia. Il flop era A-5-3 e sono stato capace di mandare una persona in all in sapendo che qualcuno aveva un A. La persona aveva A-J, aveva senso, e sapevo non avrebbero mollato, io avevo 5-3 e ci sono mani come questa dove io non ho interesse a vedere il flop, ma l’avversario ha limpato facendomi vedere il flop e sono riusito a prendermi tutte le sue chips. Sono riuscito a racimolare 55,000 dopo il day 1.

KL: Diresti che c’è stato uno specifico avversario contro cui hai combattuto?

Peter: Oh si, è facile, è stato sloppyklod [Chris Klodnicki] era al mio tavolo il day 2 ed io sono stato al suo tavolo il day 5 per circa 4-5 ore e poi tutto il day 6. E’ stato alla mia sinistra due volte ed alla mia sinistra un’altra volta. Temevamo di stare contro l’un l’altro e non abbiamo pututo evitarlo. Ci facevamo raise e reraise continuamente. Onestamente direi che gli è andata meglio di me ma penso anche che abbia avuto le carte giuste per farlo. E’ stato senza dubbio il più difficile avversario durante il Main Event. Siamo stati allo stesso tavolo per ore ed ore.

KL: Il Main Event dura una settimana e tu ha giocato a lungo, come si fa a gestirsi per poi essere eliminato?

Peter: Non ero deluso come pensavo fossi stato. Ero frustrato perché sapevo che non c’era stata una cosa che mi ha portato fuori dal torneo, perché quello che ho fatto nell’intero torneo era giocare piatti piccoli. Avrei voluto fare check per cercare di incastrare persone e non necessariamente fare grosse puntate perché nel torneo stavo giocando più piccoli piatti possibili. Ho provato ad evitare gl all in, sono uscito con il mio unico all in. Ho vinto un coin flip con 8-8 su A-K. E’ stata l’unica volta in cui sono andato all in ed è stato il day 5. Sono passati 4 giorni senza che facessi all-in. Io sapevo di non avere una grossa mano, ma ero troppo deluso per essere incappato in un grosso piatto con le regine contro gli assi; ho perso A-Q contro K-10 e sapevo che avrei dovuto essere fortunato per vincere il torneo.

Tutti devono essere fortunati per vincere. Io sono stato fortunato per 5 giorni e poi la fortuna mi ha abbandonato. Ho legato flop dopo flop ed avevo A e K molto più di altre persone. Ho pensato di essere stato fortunato ad essere lì. Sarebbe stato meglio se avessi vinto ma non sono troppo deluso perchè lo so che fa parte del poker. Ho vinto $193,000 e questo è la mia più alta vincita e ne sono stato davvero felice. Non ho rimpianti, so che bisogna essere fortunati per vincere.

KL: Cosa hai in programma?

Peter: Credo che tornerò a giocare online per un po’. Il prossimo grande torneo live è la “Leggenda del Poker” e penso che prima mi prenderò del tempo per giocare online il più possibile. Gioco live da Aprile, è dal campionato del WPT che gioco costantemente. Il prossimo mese mi prendero’ una piccola pausa e poi giocherò la Leggenda del Poker a fine Agosto.