Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Lontano dal tavolo

La causa di 75 milioni di dollari intentata contro la Società Proprietaria dell’ UB Software

Condividi
Lo scandalo su UltimateBet resta irrisolto, circa nove mesi dopo che il proprietario della società, Tokwiro Enterprises, ha realizzato che ci fosse un problema. Ed in mezzo a due investigazioni ancora in atto, una su UltimateBet da parte della società di revisione terzi Gaming Associates e l’altra su Tokwiro da parte dell’investigatore Frank Catania, lo scandalo ha riempito le pagine dei Media nazionali. MSNBC riporta un nuovo sviluppo nel caso.

Mentre il Projects Team Editor della MSNBC Mike Brunker stava esaminando lo smembramento volontario della Excapsa Software Inc. di Toronto, la società che al principio deteneva il software e la licenza di UltimateBet, ha messo mano ad un’interessante serie di informazioni. Una società di nome Blast-Off Ltd., società privata con sede a Malta che ha l’attuale proprietà di UltimateBet, ha avanzato un reclamo di $75 milioni contro Excapsa.

MSNBC ha parlato con Sheldon Krakower, presidente di XMT Liquidations Inc., che si occupa del fallimento di Excapsa, che ha notato che il reclamo “non è direttamente collegato con la somma che si crede sia stata rubata dai giocatori di UltimateBet, ma ha rifiutato di rilasciare ulteriori dettagli.” Krakower ha detto a MSNBC, “La stiamo prendendo sul serio e siamo in contatto con gli azionisti con l’intento di assorbire il reclamo… è una situazione molto delicata.”

Non è chiaro se Tokwiro Enterprises abbia a che fare con la causa, dato che ha comprato UltimateBet da Excapsa nell’ Ottobre del 2006, secondo il COO di Tokwiro Paul Leggett, ma non sembra essere parte attiva della causa. E quando gli è stato chiesto a proposito nella sua intervista in Agosto, Leggett non sembrava molto sicuro sui dettagli della vendita di UB a Tokwiro. “Non sono sicuro al 100% di questo, ma E-World Holdings ha il marchio, ed Excapsa il software ed ha fornito la licenza.”

Secondo un sito web, Blast-Off Ltd. è una società privata con sede a Malta ma i suoi servers sono nel Territorio di Mohawk e ceduti in licenza dalla Kahnawake Gaming Commission. Blast-Off controlla 10 siti collegati al gioco, inclusi Bet21, BenefitPoker, CardPlayer, DevilfishPoker, DV8 Poker, Green Tie Poker, Magic Palace Poker, UpperClass Poker, e UltimateBet. Apparentemente, Blast-Off si è assicurato l’acquisto di UltimateBet da Excapsa nell’ Ottobre del 2006 per $130 milioni.

E secondo la MSNBC’s investigation, Excapsa ha venduto i suoi beni a Blast-Off Ltd. Comunque, queste informazioni non chiariscono l’ambiguità della relazione tra Tokwiro Enterprises e Blast-Off Ltd. Maggiori informazioni saranno riportate non appena disponibili.

La causa per $75 milioni contro Excapsa è in mano ai proprietari di UltimateBet responsabili per lo scandalo che è costato ai nuovi proprietari somme non dichiarate in spese investigative e necessari aggiornamenti per la sicurezza, senza contare gli affari persi a causa dello scandalo e della sua pubblicità negativa. Se si arriverà ad un accordo, è probabile che i dettagli non saranno resi pubblici ma dovrebbero essere in arrivo nuove informazioni sulla causa.

Per ora, lo scandalo UltimateBet è salito alle luci della ribalta a causa di un articolo diffuso da MSNBC. Un paragrafo riassumeva gli ultimi sviluppi in maniera sintetica:” La causa, senza precedenti, è solo l'ultima svolta in un giallo che si spiega lentamente, iniziato più di nove mesi fa quando i giocatori di poker hanno diffuso commenti su un gioco sospetto su UltimateBet in un forum di poker su internet. E’ un mistero nascosto in un intrigo internazionale e che vanta un cast d’eccellenza, che include alcuni dei più famosi giocatori di poker , i grandi capi della comunità del Mohawk Canadese e i funzionari della “secretive Oregon Internet security company.”