Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Lontano dal tavolo

JJProdigy si scusa... di nuovo.

Condividi
Il ragazzo con le lacrime di coccodrillo sta piangendo ancora. Il giocatore di poker player Josh Field, meglio conosciuto come JJProdigy, ha postato altre scuse su un forum online. E sembra esser caduto perché anche coloro che hanno creduto alla sua ultima lettera aperta di scuse potrebbero non cascarci questa volta. Come si suol dire, se mi raggiri una volta, vergognati. Se mi raggiri due volte, mi vergogno io.

Nel Dicembre del 2007, Field ha postato una lettera di scuse alla comunità del poker online per le ricorrenti truffe, incluso il gioco sotto l’età minima, sotto falso nome e la proprietà di account multipli. Sotto pressione dei suoi genitori, Field ha postato la dichiarazione sul forum di 2+2. Quel tempo, le scuse sembravano genuine di sentimenti, ed erano rivolte verso tutti i giocatori vittime e verso l’intera comunità. “Vi do la mia parola,” ha scritto,” che non creerò mai più account multipli, e non giocherò più online fino a che non avro’ 18 anni …spero di ottenere il perdono della comunità, dei siti e anche dei miei amici.”

Appena arrivati i suoi 18 anni, ha cominciato a giocare in tornei dove era legalmente abilitato, come l’Aussie Millions. Ha sperato di giocare alla PokerStars Caribbean Adventure, ma il suo banning da PokerStars è stato esteso anche gli aventi live, e non era abilitato per giocare. Siccome non aveva giocato molto nei circuiti live prima di allora, ha recentemente spostato la sua attenzione su PocketFives, con un post nei loro forum. Già, era un’altra lettera di scuse.

Il 15 Settembre 2008 i post hanno cominciato a contenere scuse per le passate promesse non mantenute. “E’ sempre stato mio desiderio diventare onesto ed essere accettato nella comunità come ero all’inizio della mia carriera, ma le ragioni dietro le mie parole non erano come dovevano essere per rendermi conto dell’impatto delle mie azioni sui giocatori, la comunità di poker, e la prospettiva del poker online nel resto del mondo. Ho preso la decisione che è tempo di andare avanti con la mia vita e finalmente maturare. È necessario che io mi metta sulla strada giusta e mi dedichi alla promozione di questo gioco ed a riparare l’immagine che ne ho creato.”

Field poi si è lanciato in scuse a largo raggio…di nuovo…per tutti i giocatori vittime della sua truffa, la cattiva reuputazione che ha contributo a creare per il poker online, coloro che sono offesi dalle sue azioni, e coloro che hanno avuto disagi avendo a che fare con lui. Poi, il suo ego è sembrato cadere in un baratro.

“Vorrei anche vivere per dire che non sono il dio del poker che si tende a definirmi nei forum. Sono consapevole che una parte di questa considerazione che ho avuto è perchè sono stato il mentore di molti giocatori fenomenali di poker. Devo rinunciare a questo,comunque, e dire che sono stato benedetto per aver avuto ad avere tutte queste meni fantastiche che son venute da me con il desiderio di migliorare ed imparare. Non ho fatto niente per loro che non avrebbero potuto fare da soli. Li ho solamente aiutati ad aprire le loro menti ed a vedere il loro potenziale… E’ scorretto anche avere una così grande considerazione di me come giocatore di poker. Nessuno dovrebbe avere tutte le lodi che prendo io.

“Non ho neanche messo su tutti i soldi che la gente crede che io abbia. Ho perso la maggioranza delle mie vincite attraverso investimenti sbagliati. Anche questa è una delle cose che tende ad essere troppo esagerata.”

E’ arrivato al punto di volere aggiustare i suoi errori lavorando con i maggiori siti di poker per contribuire a sradicare completamente le truffe. “Capisco che la strada per riottenere fiducia è lunga e ardua, ma vi assicuro che faro’ qualsiasi cosa sia in mio potere per porre ammenda al mio passato e crearmi un futuro più etico, consapevole.”

Considerando che è nell’umana natura perdonare, specialmente quando qualcuno sembra metterci anima e cuore nello scusarsi dei propri errori, c’è stato qualcuno che ci ha creduto. Ma c’è altro da cosiderare. Non solo Field è soltanto un 18enne, ma non è chiaramente un giocatore di poker online o un sostenitore di successo. La sua reputazione è stata macchiata dalle sue stesse ammissioni di colpa, ed è stato capace di riottenere poco, se ne ha ottenuto, rispetto nella comunità di poker.

Field deve aspettare molti anni prima di poter giocare in tornei live negli Stati Uniti, e l’essere stato bannato da diversi tra i maggiori siti di poker lo frena dal poter guadagnare soldi in quel modo. Pensa di poter riparare la sua immagine allo stesso modo con cui ha fatto Justin Bonomo anni fa? Bonomo aveva sue cose di cui Field sembra non conocere il significato - la modestia e il vero rimorso.

Chiunque può postare sui forum. Field ha approfittato di questa piattaforma per richiamare l’attenzione su di lui ancora una volta, perché mantenere le promesse e raggiungere il successo in quasiasi modo che sia legittimo sembrano essere fuori dalla sua portata.

Prendermi in giro due volte? Non ci sono possibilità.