Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Tornei | Tornei di Poker Live

I risultati della PokerNews Cup Australia - Eventi 1-3 e High Stakes HORSE

Condividi
Il ritorno della PokerNews Cup a Melbourne, in Australia è stato il più atteso di tutti, come evidenziato dalla impresisonante partecipazione ai tornei. Con il Crown Casino per location degli aventi e giocatori di poker provenienti da ogni parte del mondo per parteciparvi, era già chiaro il successo della PokerNews Cup fin dall’inizio.

Event 1

Tutto è cominciato il 12 Ottobre con l’Event 1, un evento NLHE con 232 Dollari australiani di buy-in e $75,000 garantiti nel montepremi. Comunque, un totale di 422 giocatori si è registrato per giocare all’evento, rendendo il montepremi del valore di 84,400 dollari australiani. Programmato come un evento one-day con una struttura da seguire, il campo si è assottigliato presto, e più della metà dei giocatori sono andati via prima di raggiungere le tre ore.

Quando ci si è avvicinati alla zona bolla, due giocatori sono stati eliminati nella stessa mano durande il gioco hand-for-hand, permettendo ai due di dividersi il premio del 40° posto di 464 dollari australiani. Thomas Tsikouris è stato il primo a ricevere i 464 dollari australiani per intero per il 39° posto, e da questo momento le eliminazioni sono continuate velocemente.

Arrivati al tavolo finale, Joshua Abor ha avuto l’onore di finire in bolla tavolo finale con un piazzamento al 11° posto e 928 Dollari australiani per l’essersi distinto. Il tavolo finale è cominciato con Danny Tang in veste di chip leader e Philip Iglesias con lo stack più basso. I risultati sono stati i seguenti:

10° posto: Nick Bizimoski (1,266 AUD), per mano di Harry Ligos
9° posto: Geoff Channing (1,899 AUD), per mano di Harry Ligos
8° posto: Philip Iglesias (2,352 AUD), per mano di Andrew Jeffreys
7° posto: Liad Moshe (3,376 AUD), per mano di Danny Tang
6° posto: Louise Ingram (4,220 AUD), per mano di Harry Ligos
5° posto: Steve Little (5,275 AUD), per mano di Harry Ligos
4° posto: Andrew Jeffreys (6,752 AUD), per mano di Harry Ligos
3° posto: Danny Tang (8,440 AUD), per mano di Harry Ligos

L’Heads-up action è cominciato con Ligos con una chiplead di 3:1 su Bancroft. Era ovvio che Ligos aveva la meglio per il tavolo finale, e l’ha avuta per tutto il tempo fino all’ultima mano con coppia di Q contro 10[d]-5[s] di Bancroft. Sul board sono arrivati 2[c]-6[h]-J[s]-K[s]-K[c], and Michael Bancroft è finito al secondo posto con 12,238 dollari australiani

Harry Ligos si è aggiudicato il primo torneo della 2008 PokerNews Cup ed i conseguenti 17,732 dollari australiani di montepremi

Event 2

Anche il secondo evento della serie si è avuto il 12 Ottobre. E’ stato il PokerPro deep-stack NLHE da 115 dollari australiani giocato tra i tavoli guidati dai PokerPro. Era limitato a 90 giocatori, e questo è stato il numero di partecipanti. Il montepremi di conseguenza era di 9,000 dollari australiani con 2,700dollari australiani per il primo posto.

Il gioco è cominciato lentamente, e solo 10 giocatori sono stati eliminati nelle prime due ore di gioco,ma poi l’azione è ripartita velocemente. Allo scoccare delle tre ore rimanevano solo 19 giocatori. La scoppio della bolla è arrivato quando l’8-6 di Otto Pickermann si è scontrato con la coppia di Q del suo avversario. E la situazione è peggiorata quando è arrivata una Q al flop ed un’altra al turn. Il poker ha vinto, e Pickermann è stato eliminato al 10° posto.

Il tavolo finale è cominciato con Mark Casale in chip lead con 219,000 e Mark Grech allo stack basso con sole 29,000 in chips. I risultati che ne sono conseguiti sono i seguenti:

9° posto: Ian Daniels (270 dollari australiani)
8° posto: Mark Grech (360 dollari australiani)
7° posto: Kim Peart (450 dollari australiani)
6° posto: Michael Matthews (540 dollari australiani)
5° posto: Matt Walker (720 dollari australiani)
4° posto: Adam Reid (900 dollari australiani
3° posto: Dom Italiano (1,260 dollari australiani)

Casale è arrivato all’heads-up con una chip lead odi 3:1 su Schembri, e c’è voluta una mano soltanto per determinare la partita. Schembri è andato in all-in con una coppia di 8, e Casale ha chiamato in preflop con A[d]-6[c]. Sul tavolo sono arrivati 5[h]-5[d]-7[c]-Q[s]-A[s], e l’Asso al river ha deciso la partita. Daniel Schembri ha avuto il suo secondo posto e 2,700 dollari australiani.

Mark Casale ha vinto il secondo evento della PokerNews Cup Australia e i 2,700 dollari australiani che hanno accompagnato la vittoria.

Event 3

Il terzo evento della serie, il torneo Pot-Limit Omaha w/rebuys da 240 dollari australiani, è diventato un evento di due giorni a causa degli stacks di giocatori e l’intensità con cui è stato giocato. Non solo c’erano 96 giocatori, ma c’è stato un impressionate rebuys di 547. Dunque il montepremi era di 73,900 dollari australiani.

Alcune delle eliminazioni durnte lo sviluppo della giornata hanno incluso Mark Vos e Karib Karib. E quando la bolla era alle porte, è stato Vince Moro a prendere il 10° posto con il suo A-K-9-K contro 9-8-7-5 di Paul Triandafillou. Quest’ultimo ha creato una scala sul flop quando ha giocato 7-8-6 ed un full con un 7 al turn. Il 5 al river ha fatto la stessa cosa, e Moro è uscito.

Il tavolo finale è stato approntato il giorno dopo con Roy Bhasin in chip lead con 238,000. Bhasin ha avuto una giornata fenomenale, a partire dalla triplicazione alla prima mano e ha continuato a costruire il suo stack fino al tavolo finale. Lo stack più basso dei nove giocatori restanti era di Manny Rodrigues con sole 14,500. E quando sono tornati per concludere, i risultati sono stati:

9° posto: Manny Rodrigues (2,217 dollari australiani), per mano di Paul Triandafillou
8° posto: Anthony McNamara (2,956 dollari australiani), per mano di Roy Bhasin
7° posto: Paul Triandafillou (3,695 dollari australiani), per mano di James Kronos
6° posto: Abel Cabrera (4,434 dollari australiani), per mano di Jamie Pickering
5° posto: Koray Turker (5,912 dollari australiani), per mano di Jamie Pickering
4° posto: Roy Bhasin (7,390 dollari australiani), per mano di Jamie Pickering
3° posto: Con Tsapkounis (10,346 dollari australiani), per mano di James Kronos

I due giocatori finalisti hanno cominciato ad aggrovigliarsi in piatti consistenti finendo con Pickering in testa e Kronos sotto a sole 108K di fiches. Kronos è tornato a raddoppiare ma non è riuscito a manternersi a lungo. Dopo un flop di J[h]-8[h]-7[c], Pickering ha spinto la mano, e Kronos ha chiamato con un all-in per A[h]-J[d]-3[d]-3[h]. Pickering ha mostrato 10[h]-9[d]-7[h]-5[d] per una scala. Il turn ed il river sono usciti 5[s] e K[s], e niente ha migliorato lo stack piò basso. James Kronos è finito al secondo posto vincendo un premio di 14,780 dollari australiani.

Jamie Pickering ha vinto il titolo del torneoPLO e 22,170 dollari australiani per il primo premio.

Lo Special Event
I pezzi grossi del casino ne avevano consapevolezza. Con così tanti eventi a buy-in bassi, essi sapevano che solo pochi avrebbero speso 10,000 dollari australiani per un evento H.O.R.S.E. . Ed avevano ragione. Solo 6 giocatori - Joe Hachem, Mark Vos, Van Marcus, James Obst, Billy “The Croc” Argyros, e Tony G – probabilmente hanno ritenuto opportuno spendere il buy-in e prepararsi per un divertente pomeriggio di azione nel torneo high-stakes di H.O.R.S.E..

Appena il gioco è cominciato, Hachem ha subito un pessimo inizio e, nel frattempo, dava un’occhiata ad un succoso gioco cash lì vicino. Si è finalmente lasciatro coinvolgere con Argyros e Vos, tuttavbia solo Vos è rimasto dentro dopo 5 giri in una mano stud. Hachem aveva 2[h]-8[s]-A[d]-6[d]-9[d], e Vos ha mostrato k[h]-10[k]-J[k]-4[k]-10[s]. Hachem ha avuto 2[c] e 4[c], mentre Vos aveva in mano 10[d] e K[d] per un full. Hachem è stato il primo a lasciare il tavolo.

James Obst wè stato il successivo ad andare via in una mano stud/8 hand con 3[c]-7[s]-2[d]-8[d]-K[s]-K[c]-Q[d] contro 3[d]-3[s]-5[s]-4[h]-10[s]-4[s]-5[d] di Tony G. Obst ha lasciato al 5° posto.

Mark Vos è diventato quello con lo stack più basso, e nella successiva mano di Omaha, è andato in all-in, per essere chiamato soltanto da Argyros e Tony G. Argyros ha foldato sulla puntata di Tony G dopo il flop, dopo che Vos aveva mostrato 6[d]-6[c]-A[c]-9[d] a 2[d]-3[d]-4[s]-K[c] di Tony G con al tavolo 6[h]-3[c]-5[s]. Il turn ed il river hanno completato con A[d] e 2[h] ed ha mandato Vos ai tavoli cash con il 4° posto.

Gli ultimi tre partecipanti hanno deciso di dividersi il piattoe concludere la giocata. Tony G si è aggiudicato la parte più grossa - 26,000 dollari australiani – dato che era il chip leader quando hanno finito, e Argyros e Marcus oguno k 17,000 dollari australiani per un divertente pomeriggio di azione nel torneo high-stakes di H.O.R.S.E..