Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Lontano dal tavolo

Gli scandali di AP e UB trattati sul 60 Minutes Sunday

Condividi
La storia è stata discussa sui forum di poker e nei circoli sociali per molti mesi, e molte persone hanno visto la troupe televisiva ed il giornalista Steve Kroft aggirarsi per le sale del Rio durante le World Series of Poker questa estate. E poi, dopo che la data di trasmissione originaria in Ottobre dello show è stata posticipata molte volte a causa di periodi necessari per verificare altri particolari, ora c’è una data. Il CBS show 60 Minutes metterà in onda una storia riguardante gli scandali del poker online questa Domenica, 30 Novembre alle 7:00pm ET.

La dichiarazione che introdurrà la puntata, intitolata “I truffatori,” sul sito della CBS recita: “60 Minutes ed il Washington Post rivelano come i giocatori di poker online che sospettano una truffa siano stati costretti a smascherare essi stessi i truffatori. Questo perché i managers dell’industria da $18 miliardi meno regolata del mondo, quella delle scommesse su internet non è riuscita a soddisfare le loro richieste. Steve Kroft ed il giornalista del Washington Post, Gilbert Gaul. Ira Rosen è il produttore.”

Secondo la maggior parte delle fonti intervistate o coinvolte in qualche modo nella puntata, la storia si focalizza sullo scandalo delle truffe su Absolute Poker ma sfocia sullo scandalo delle trugge di UltimateBet. E’ importante anche il fatto che entrambi i siti siano di proprietà della Tokwiro Enterprises, amministrate soltanto dalla Kahnawake Gaming Commission che ha concesso le licenze di gioco dei i siti di poker online, e che possiede entrambe le società. In più, ci sono alcuni riferimenti al fatto che i siti di scommesse online siano situati al largo, dato che sono i centri di transazione che provvedono ai trasferimenti, perchè gli Stati Uniti sono ben lontani dal voler prendere in considerazione regolamentazioni o tassazioni per questa industria multimiliardaria.

Comunque, ci saranno alcune inesattezze nella storia, come evidenziata dalle prime due sentenze trascritte dal video clip della storia sul sito web della CBS.

“Ci sarebbe da direi,” ha detto il giornalista, “che questa industria da 18 miliardi è illegale negli U.S.A., ma questo divieto è quasi impossibile da applicare dal momento che i siti internet ed i computer che distribuiscono a caso le carte e tengono traccia delle puntate sono situati al largo dalla giurisdizione degli U.S.A., e a differenza dei casino fisici, non c’è quasi regolamentazione, supervisione o applicazione ufficiale.”

la verità è che l’industria non è illegale. Il processo delle Banche americane che tengono gli accounts di fondi è illegale, come riportato nella legge dell’ UIGEA, ma le scommesse online di per sè sono legali come giocare alla lotteria.

Con una dichiarazione del genere ci si aspetta che la storia su 60 Minutes sarà un po’ ambigua, nonostante i giornalisti dello show abbiano la reputazione di essere corretti e mostrare il doppio volto della storia. Se questo sarà il caso quando andrà in onda l’intera puntata questa Domenica, potrebbe essere un elemento positivo per il poker online, dato che mostrerebbe i miliardi di dollari che potrebbero essere tassati a beneficio degli Stati Uniti che potrebbero arrivare dalla regolamentazione dell’intera industria.

Tecnicamente, il peggio che possa accadere è che nessuno cambi idea, e coloro che credevano che scommettere sia sbagliato continueranno a sostenete strenuamente questa idea. Ma il meglio che possa accadere è che la gente spenda un secondo a revocare la UIGEA e crei delle leggi che forniranno tutto quello di cui ci sia bisogno nell’industria del poker online, dandogli più legittimatezza, protezione dei consumatori, ed un potenziale di crescita.

Sintonizzati Domenica 30 Novembre alle 7:00pm ET su CBS e segui l’intera storia.

*il Poker è l’unico posto in cui puoi mentire ai tuoi amici, rubare, e prenderti i loro ultimi dollari… e tutto questo è accettato. No, meglio ancora, ci si aspetta e non è considerata truffa, è il modo giusto di giocare. Ci sono molti siti di poker rispettosi che lavorano sodo per guadagnarsi la tua fiducia e tutelarti con tutta la sicurezza di cui hai bisogno. PokerWorks presenta le sale di poker online tutte per te!*