Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Tornei | Tornei di Poker Live

Il titolo PCA del 2009 e $3 Milioni vanno a Poorya Nazari

Condividi
Senza dubbio è una delle più popolari tappe del circuito globale dei tornei. Che sia a causa delle spiaggie esotiche dell' Atlantis Resort e Casino alle Bahamas, l'enorme montepremi o la notorietà che arriva per chi vince l'evento, o il fatto che sia il maggior torneo di ogni nuovo anno, la PokerStars Caribbean Adventure (PCA) è attesissima e fortemente richiesta ogni anno. Questa non è stata differente.

Infatti, la 2009 PCA è stata migliore di tutte le precedenti, le 1,347 partecipazioni al main event da $10K di buy-in hanno fissato un record per la PCA; soprattutto, ha fatto storia per il più alto numero di giocatori ad accedere ad un evento dell'European Poker Tour (EPT). E con quel numero è arrivato un montepremi senzasionale che ha creato un primo premio da $3 million – esattamente $1 milione più di solo un anno fa.

La PCA ha avuto inizio il 5 Gennaio con il primo dei due giorni di partenza, per cui il numero finale non si è saputo prima del giorno successivo. Ma il primo giorno è stato impressionante già da solo con la presenza di 660 giocatori ai tavoli per il Day 1A, e tra di loro c'erano tantissimi professionisti del Team PokerStars come Daniel Negreanu, Greg Raymer, Barry Greenstein, Joe Hachem, Gavin Griffin, Tom McEvoy, Vanessa Rousso, Steve Paul-Ambrose, Chad Brown, Alex Kravchenko, Vicky Coren, Lee Nelson, Luca Pagano, Marcin Horecki, Dennis Phillips, Ylon Schwartz, Darus Suharto, e Scott Montgomery. Altri nomi degni di nota erano Chris Ferguson, Bill Edler, Jeff Madsen, Gavin Smith, Antonio Esfandiari, Steve Zolotow, Amnon Filippi, Michael Binger, Jason Mercier, e Evelyn Ng.

L'azione è stata veloce, dato che più della metà dei 660 giocatori iniziali sono stati mandati in spiaggia prima della pausa cena, e solo 188 sono sopravvissuti alla serata dopo otto livelli di gioco. Quando è stato riportato il conteggio delle fiches bob ufficiale, c'era Filipe Ramos in chip lead con 360K e David Baker al seguito con oltre 200K. Vicini al top c'erano anche Madsen e Courtland Twyman.

Il secondo starting day è stato quello che ha messo la 2009 PCA nel libro dei records. I 676 giocatori nel Day 1B, hanno portato il gran totale a 1,347 e il montepremi a $12,674,000 con $3 milioni di primo premio. Infatti, i primi tre finalisti del torneo hanno guadagnato almeno $1 milione, e 199 altri giocatori si sino portati a casa un pezzetto del montepremi. Tra coloro che aspiravano al primo posto c'erano alcuni volti ben conosciuti come Carlos Mortensen, Chris Moneymaker, Noah Boeken, Peter Eastgate, Bertrand Grospellier, Phil Ivey, Alex Gomes, Andre Akkari, Humberto Brenes, Isabelle Mercier, Hevad Khan, Gus Hansen, Dan Heimiller, Mark Seif, Nenad Medic, Kevin Saul, Ivan Demidov, Dario Minieri, Katja Thater, Boris Becker, Orel Hershiser, e Robert Mizrachi.

Quando gli otto livelli del giorno si sono conclusi, sono rimasti solo 192 giocatori con Chris Fernandez in testa con 280K in fiches. Anche Seif, Heimiller, Brad Henry, Alex Longobardi, Scott Bateson, e Eric Liu erano vicini alla chip lead e si sono preparati ad affrontare la giornata successiva.

Il Day 2 è cominciato con più o meno 400 giocatori ai tavoli
, ma le eliminazioni hanno mandato via quasi due terzi dei partecipanti entro la giornata. Giocatori del calibro di Akkari, Ramdin, Brenes, e Thater erano tra i 295 eliminati durante la veloce e tesissima azione. L'area bolla ha inasprito il caos, che già era evidente quando il conteggio ufficiale dei giocatori non è stato aggiornato con il numero attuale dei rimanenti nel momento in cui lo staff del torneo era già pronto per dare il via all'hand-for-hand. In verità, si sono resi conto che la bolla era già scoppiata, ed una volta che hanno raccolto i giocatori eliminati, sono state riassunte le eliminazioni regolari. Ma è stato chiaro quando il giorno si è concluso che c'erano rimasti solo 102. tra loro chi aveva più fiches erano Dan Heimiller, Christopher Bush, e David Baker, quest'ultimo con 925K e la chip lead.

Come il giorno precedente, il Day 3 si è svolto velocemente,
sosprendentemente impiegando solo tre livelli per ridurre il campo da 102 a 32. Se sia stato perchè giocatori erano ansiosi di trascorrere del tempo sulle spiaggie sabbiose delle Bahamas o semplicemente perchè le mani si siano giocate velocemente, fatto sta che è stato il giorno più veloce, finito con Kevin Saul and Benny Spindler in testa con più di 2 milioni di fiches e Benny Chen a seguirli con circa 1.9 milioni. Altri grandi nomi erano ancora in corsa, come Heimiller, Coren, Gomez, e Kathy Liebert.

Il Day 4 è stato il più importante dato che ha determinato i giocatori finalisti per il tavolo finale dell'EPT PCA il 10 Gennaio. I 32 si sono visti arrivare l'opposto della lentezza del giorno prima per quella che sarebbe diventata una semi-maratona di 12 ore per ridurre il tavolo ad 8 giocatori.

Alcuni degli eliminati subito sono stati Vicky Coren al 30° posto, Filipe Ramos al 22°, il secondo classificato alla 2008 PCA Hafiz Khan in 21°, e David Baker in 16° posto. Benny Chen sarebbe arrivato al 14° posto, e Kathy Liebert ha giocato bene ma è riuscito a piazzarsi soltanto al 12° posto con un premio di $120K.

Dopo che Andy Fitzpatrick è stato eliminato all'11° posto, i 10 finalisti si sono sfidati per eliminarne ancora due. Ryan Karp ha avuto l'onore di finire al10° posto, e poi è arrivata una grande mano. Kevin Saul, che ha detenuto la chip lead e sembrava molto fiducioso di arrivare al tavolo finale il giorno successivo, è entrato in lotta con Alex Gomes. Le puntate erano ragionevoli quando è arrivato il flop con 6[c]-6[h]-2[c]. Gomes ha puntato e Saul ha chiamato per vedere il 6[s] del turn. Ulteriori puntate hanno portato la Q[s] al river, e Saul ha puntato ancora, seguito da un check-raise all-in di Gomes. Saul ha chiamato con K[d]-Q[d] per il full ma Gomes ha mostrato A[c]-A[d] per il punteggio più alto e si è aggiudicato un piatto da 8 milioni e la chip lead.

Finalmente, è stato Jan Collado Fernandez a puntare tutto il suo stack con coppia di J, ma è stato chiamato da Poorya Nazari ed il suo A[s]-10[h]. Il flop ha premiato Nazari con A[d]-3[h]-2[s], e la Q[d] del turn l' 8[h] del river hanno decretato l'eliminazione di Fernandez al 9° posto e un premio di $175K, e la preparazione del tavolo finale per il giorno seguente con questa situazione:

Posto 1: Tony Gregg (2,245,000)
Posto 2: Alex Gomes (8,080,000)
Posto 3: Pieter Tielen (2,510,000)
Posto 4: Dan Heimiller (1,440,000)
Posto 5: Benny Spindler (3,352,000)
Posto 6: Kevin Saul (1,640,000)
Posto 7: Dustin Dirksen (765,000)
Posto 8: Pooyra Nazari (6,790,000)


Il tavolo finale è cominciato il 10 Gennaio con una serie di grandi azioni fin dall'inizio. Cinque minuti dopo la partrenza, Dustin Dirksen è andarto in all-in dal piccolo buio con A[s]-K[h], e Alex Gomes ha chiamato con Q[s]-J[h]. Dirksen ha raddoppiato ed è rimasto in vita, e lo ha fatto ancora circa venti minuti dopo, questa volta con coppia di J contro A-8 di Benny Spindler. A questo punto, Dirksen aveva più di 3.5 milioni di fiches e stava giocando molto bene. Anche Dan Heimiller ha avuto un po' di fortuna quando ha raddoppiato a spese di Gomes. Nessuno sembrava aver paura di mettere le proprie fiches a rischio sul tavolo.

In meno di una ora, Kevin Saul ha deciso che era il momento di puntare i suoi 1.2 milioni di fiches in un piatto preflop K[s]-J[s]. Nazari ha chiamato con coppia di Q, e con Saul ha ricevuto un J nel flop, che non è stato abbastanza per salvarlo. Kevin Saul è stato eliminato all'8° posto con $234,000.

Nonostante la fortuna di Heimiller all'inizio dell'azione, non è stato in grado di mantenerla. È andato in all-in ma ha ricevuto due all-ins conseguenti da Nazari e Anthony Gregg. Nazari aveva lo stack più grande e gli altri lo hanno coperto, ma la sua copia di 8 non era la mano migliore. Gregg aveva coppia di 9, che avrebbe preoccupato Heimiller e la sua coppia di 5. Sul tavolo sono arrivati J[c]-K[h]-J[s], al turn è arrivato un 6, ed un 7 al river. Heimiller è stato così eliminato al 7° posto con $300,000, e Gregg ha dovuto rimettersi un po' su.

Dirksen ha cominciato il tavolo finale con grande energia, ma ne ha persa un po' con il passare delle ore. Pieter Tieman ha raddoppiato a sue spese, e circa 30 minuti dopo, Dirksen ha partecipato al piatto maggiore della sua vita. E' stato Benny Spindler ad andare in all-in in seguito al reraise di Dirksen al preflop. Dirksen ha chiamato l'all-in per circa 3 milioni di fiches con A[d]-K[d], e Spindler ha mostrato 10[s]-10[c]. Sul tavolo sono usciti Q[h]-J[h]-J[s]-6[d]-3[h], che hanno spinto Dirksen fuori dal torneo al 6° posto, del valore di $400,000.

Poi è stato il turno di Tielen ad affrontare il ruggito di Spindler. Tielen è andato in all-in dal grande buio in risposta al raise iniziale di Spindler, e Spindler ha chiamato con 8[c]-8[h]. Tielen ha mostrato A[c]-Q[h], e le carte si sono susseguite con 10[h]-7[c]-6[d]-5[s]-K[d]. E' quindi arrivata un'altra coppia per Spindler, e Pieter Tielen è stato mandato a casa al 5° posto con $550,000.

La successiva mano significativa è partita in maniera abbastanza innocente, con un raise di Gomes a 305K e un call di Spindler. Il flop ha portato un interessante J[d]-J[h]-J[s], che ha spinto Gomes a puntare 535K. Spindler ha rilanciato a 1.35 milioni, e Gomes ha chiamato per vedere un 5[s] al turn. E' stato Spindler a puntare per primo, ben 2 milioni, e Gomes ha risposto con un check-raise all-in con A[h]-A[c]. Spindler, comunque, ha mostrato K[c]-J[s] per poker di J. Spindler è arrivato ad avere quasi 17 milioni di fiches, mentre Gomes ha lasciato il torneo al 4° posto con $750,000.

Il gioco è rallentato. Il che è un eufemismo. Nonostante un'azione di tre mani abbia portato un raddoppio di Nazari e la sua chip lead, non c'è stato di meglio dopo. Circa un'ora dopo, Tony Gregg ha raddoppiato a danno di Nazari, e lo ha fatto ancora dopo qualche minuto a spese di Spindler. Ma non ci sono state altre svolte per ore. Ci sono volute altre 5 ore perchè Gregg raddoppiasse ancora e ci fosse un'altra eliminazione.

Spindler è diventato quello con meno fiches al tavolo ed è andato in all-in per poco meno di 5 milioni di fiches con Q[d]-J[h]. Nazari ha chiamato velocemente con A[s]-J[d]. Sul tavolo sono arrivati K[s]-3[s]-4[s]-T[d]-K[d], e Benny Spindler è stato eliminato al terzo posto. Per la sua presenza, tuttavia, è stato ricompensato con un premio di $1.1 milioni.

L'Heads-up è cominciato con le seguenti fiches:

Poorya Nazari 17,685,000
Tony Gregg 9,210,000


Probabilmente a causa della fatica e dell'esaurimento di una settimana fatta di lunghe ore di gioco, il torneo si è concluso in 4 ore. Nazari ha ottenuto le prime tre mani, il che ha portato a cominciare la quarta con un raise di Gregg. Nazari ha risposto con un reraise a 3 milioni, e Gregg è andato immediatamente in all-in con Q[d]-7[s]. Nazari ha chiamato subito ed ha mostrato A[c]-10[d]. Il tavolo non ha dato nulla a quello con lo stack minore, tuttavia nessuno dei due è migliorato con 10[s]-6[c]-5[c]-3[s]-9[d], ma ha posto fine al main event della PCA. Tony Gregg è finito al secondo posto ottenendo i corrispettivi $1.7 milioni.

Poorya Nazari èdiventato il campione della 2009 PokerStars Caribbean Adventure ed ha vinto un trofeo, un posto per l'EPT Grand Finale in Monte Carlo ad Aprile, ed il favoloso primo premio di $3 millioni.

“Non posso credere stia succedendo,” Nazari ha detto ai giornalisti di PokerStars. “Il mio cervello è fuori uso per aver giocato tutta la settimana. Sono stato fortunato ad arrivare in cima. Lui non ha ancora afferrato del tutto.”

quando lo fa, si renderà conto della straordinarietà di quello a cui è arrivato.

(Grazie al Blog di PokerStars per le informazioni dettagliate sul torneo.)