Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Tornei | Tornei di Poker Live

Da Quasi Eliminato a Campione, Ortiz vince il LAPT Cile

Condividi
L’ultima volta che ha avuto luogo il PokerStars Latin American Poker Tour (LAPT) è stato in Messico, dove lo staff ufficiale ha bloccato il torneo poco prima della fine del primo giorno. Non è mai ripreso, nonostante i giocatori rimanenti siano stati poi ospitati da PokerStars . La tappa successiva della seconda stagione del LAPT si è conclusa senza problemi – altro che giorni lunghi – nella nuova location di Vina del Mar, in Cile. Una esotica location del Sud America che ha visto centinaia di giocatori, molti dei quali volti nuovi nel tour, sfidarsi per ottenere il titolo del LAPT.

C’erano molti professionisti del Team PokerStars in campo, compresi Andre Akkari, Alexandre Gomes, Ylon Schwartz, e Dennis Phillips. Altri volti noti nella sala del torneo erano J.C. Alvarado, Paul Magriel, Shirley Rosario, Maria Stern, e la campionessa argentina di backgammon Veronica Dabul. Anche il conosciutissimo Humberto Brenes era presente, e non solo con il fratello Alex, ma anche con i figli Jose e Roberto.

I numeri sono diventati ufficiali poche ore dopo l’inizio del Day 1, e con 216 giocatori, il montepremi è stato fissato a $523,800. I 27 finalisti avrebbero così portato a casa un po’ di quella somma, ma il vincitore avrebbe vinto ben $141,426.

Al termine della giornata, sono rimasti soltanto in 63. Tra loro c’era il sopracitato Gomes, che ha quasi raggiunto la leaderboard con 82,750 in fiches, ma è stato Nicolas Perez a detenere la chip lead con 90,050.

La missione del Day 2 era quella di ricavare i giocatori del tavolo finale, ed è stata più lunga di quanto ci si aspettasse, durando quasi 14 ore. Il tutto è cominciato abbastanza innocentemente, con Roberto Brenes e Shirley Rosario eliminati dal torneo in pochissimo tempo. Damian Salas ha ottenuto la chip lead ed è andato avanti con quella, provando poi nel tempo di essere capace di tenersela stretta fino al tavolo finale. Non è stato altrettanto fortunato il chip leader del giorno precedente, che si è visto con lo stack più ristretto dopo solo poche ore durante il Day 2.

Neanche Alex Gomes è riuscito ad arrivare a premio, e Veronica Dabul lo ha mancato per soli tre posti. Con l’eliminazione di Alex Manzano al 29° posto, è cominciato il gioco hand-for-hand per decretare l’uomo bolla, operazione che è durata più di un’ora prima…. di andare a cena. Una volta di ritorno, c’è voluto ancora del tempo prima di vedere Samar Hodali in all-in contro sei altri giocatori che hanno checkato su un tavolo di K-J-3-4-7. il A-10 di Hodali è stato infine battuto da un 8-3, e lo ha lasciato uscire appena prima dei premi. Ha fatto anche si che Diego Sobrino fosse il primo ad uscire a premio al 27° posto, del valore di $5,238.

Altre eliminazioni a premio degne di nota hanno incluso Maria Stern al 19° posto, e Ariel Celestino all’ 11° posto. Il gioco Hand-for-hand è così ricominciato, e non ci è voluto molto perchè finisse. Carter Phillips è andato in all-in dal piccolo buio per 100K con 5[s]-3[s], ma Eduardo Camia ha chiamato con A[d]-Q[h] dal grande buio. Sul tavolo sono usciti7[c]-4[c]-4[h]-Q[s]-9[d], e Phillips è rimasto con un paio di fiches. Fiches che sono finite nella mano successiva con 9[s]-4[d] contro 10[c]-5[s] di Hernan Villa. Phillips non è migliorato ed è uscito al 10° posto con $9,167 di premio.


Il tavolo finale è stato infine approntato con queste situazioni
:

Damian Andres Salas 412,000
Fabian Ortiz 347,000
Leandro Balotin 339,000
Fabio Escobar 300,000
Jyries Awad 208,000
Eduardo Camia 198,000
Jaime Ateneloff 128,000
Vincenzo Giannelli 122,000
Hernan Villa 107,000

L’azione è cominciata nel tardi pomeriggio del 22 Gennaio, e ci è voluto circa un ora per poter vedere il primo all-in. Che ha portato come risultato il raddoppio di Giannelli a spese di Ortiz. Poi Camia ha raddoppiato a spese di Escobar.

Finalmente, la prima eliminazione del tavolo finale era a portata di mano. Damian Salas ha aperto l’azione con un raise, ma Jaime Ateneloff è andato in all-in con i suoi ultimi 80K e coppia di 7. Salas ha chiamato con Q[d]-J[c], e si è messo fuori gioco. Sul tavolo sono arrivati 6[h[-4[c]-4[s]-Q[s]-5[c], e le Q ed i 4 sono stati buoni per Salas per farcela, smandando Ateneloff a casa con il 9° posto ed un premio di $10,476.

Circa un’ora e mezzo più tardi, Eduardo Camia ha tentato un altro raddoppio ed ha messo a rischio i suoi 127K con A[c]-9[c]. Ma Salas ha chiamato con coppia di 9, e Camia non ha avuto più possibilità. Il dealer ha contribuito dando loro Q[c]-5[s]-4[d]-4[s]-8[d] per eliminare Camia all’8° posto con $13,095.

Jyries Saba è diventato il favorito di fan e media durante tutto il torneo con la sua personalità animata. Ed è sopravvissuto più di quanto avesse potuto. Finallmente, è stato coinvolto in una mano con Fabian Ortiz per vedere un flop di K[c]-5[c]-4[d]. Saba è andato in all-in con K[s]-J[s] per una doppia coppia, ed Ortiz ha chiamato immediatamente con coppia di Assi. Il turn ha portato 8[c], ed il river di 6[s] ha cementato la situazione, e Saba è stato mandato via al 7° posto del valore di $18,330.

Hernan Villa sembrava andare sulle montagne russe per tutta la sera, prima raddoppiando a spese di Salas, per poi tornare dalla cena e vedersi Giannelli raddoppiare a sue spese. Ha poi raddoppiato ancora, comunque, a spese di Escobar per restare in vita ancora un po’.

Escobar è stato colpito dalla resistenza di Villa, ed è andato in all-in in preflop con un solido A[c]-Q[d]. Comunque, la mano non sembrava più così solida quando Giannelli ha chiamato e mostrato A[d]-K[c]. Il board non ha aiutato con 5[h]-4[h]-2[d]-8[d]-9[s], e Fabio Escobar è anhdato via al 6° posto con $23,571 per i suoi sforzi.

Villa ha concluso la sua corsa quando i suoi ultimi 95K è andato in all-in dal grande buio. Dopo che Ortiz ha chiamato ed ha mostrato Q[c]-7[s], Villa ha invece voltato 6[d]-2[d]. Da severo underdog, non ha trovato aiuto nel flop di 7[c]-3[c]-3[s], né nel 10[c] del turn o nel 9[h] del river. Hernan Villa è stato eliminato al 5° posto con $28,809.

Ortiz si è messo poi in pericolo quando ha perso 1.1 milioni di fiches con Salas. Si è trovato seriamente in difficoltà ritrovandosi mano dopo mano con soli 18K rimasti, ma con tanta determinazione e un po’ di fortuna, ha triplicato a spese di Bolatin e Giannelli, e poi ha raddoppiato a spese di Bolatin per raggiungere e superare i 100K.

E’ stato Bolatin a soffrire per mano di Ortiz. Bolatin infatti è andato in all-in per 165K poco dopo con Q[c]-5[s], ed Ortiz ha chiamato con A[d]-8[d]. Il board non è stato d’aiuto per l’underdog dato che ha fornito A[h]-2[h]-2[d]-6[c]-J[d]. Leandro Bolatin è stato così mandato via dal torneo al 4° posto con un premio in denaro di $39,285.

E’ passato dell’altro tempo prima della eliminazione successiva, poco dopo l’1:00am ora locale. La mano è cominciata con un raise di Giannelli ed è diventata più interessante dopo il reraise all.-in per 520K di Salas dal grande buio. Giannelli ha chiamato ed ha mostrato A[s]-Q[h] con eccitazione, cosicché Salas ha dovuto mostrare il suo A[h]-5[c]. Sul tavolo sono arrivati 9[d]-3[d]-6[c]-4[d]-8[c], e Damian Salas è stato costretto a mollare al 3° posto con $52,380 associati.

Il gioco Heads-up è iniziato con i seguenti conteggi:

Vincenzo Giannelli 1,524,000
Fabian Ortiz 637,000

Ortiz ha ottenuto il primo piatto per dimostrare che non avrebbe ceduto. E nel giro di 15 minuti, era pronto a recuperare. E’ andato in all-in con K[d]-7[s], e Giannelli ha chiamato con A[d]-6[s]. Sul tavolo sono usciti 10[s]-8[d]-6[h]-9[d]-9[c], ed Ortiz ha raddoppiato con la scala che ha fatto al turn. Ortiz ha ottenuto la chip lead con 1.15 milioni, e Giannelli è sceso poco sotto 1 milione di fiches.

Poco tempo dopo, con Giannelli a quota 899,000, è stato il suo momento di agire, e lo ha fatto con A[h]-10[h]. Ma Ortiz ha chiamato con A[c]-J[s] ed una mano leggermente superiore. Il dealer ha lentamente mostrato 7[s]-Q[s]-4[d]-8[s]-6[s], e Vincenzo Giannelli è stato eliminato al 2° posto portandosi via $58,570 come ricompensa.

Così è finita. Insieme al premio in denaro e ad un favoloso museo, Ortiz ha avuto il piacere di diventare l’ultimo campione del Latin American Poker Tour champion.

(Grazie al blog di PokerStars per gli aggiornamenti live.)