Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Tornei | Tornei di Poker Live

Nitsche si aggiudica il LAPT Grand Final in Argentina

Condividi
Sembrava che la seconda stagione del Latin American Poker Tour (LAPT) di PokerStars.com fosse appena cominciata, ma già il tour ha visto il suo Season 2 Grand Final in Argentina. La spiaggia della città di Mar del Plata è stata la location, ed il poker è stato la ragione per cui tutti sono accorsi, dato che il $5,200 LAPT Grand Final è stato programmato per cominciare il 16 Aprile al Casino Central.

E c’è stata una partecipazione straordinaria. Il LAPT è cresciuto in popolarità durante queste due stagioni, ed i giocatori volano da tutto il mondo per partecipare ai tornei che sono così diventati più lucrativi e prestigiosi ad ogni tappa del tour. L’ Argentina Grand Final ha visto la partecipazione di 291 giocatori per l’evento con il buy-in più alto della stagione, creando un montepremi di $1,411,350 ed assicurando un premio di $387,030 per il primo vincitore.

Il torneo LAPT a Mar del Plata è stato il primo della seconda stagione ed ospitare due giorni iniziali, mettendo a disposizione una ampia sala nella stanza del torneo affinché tutti i giocatori cominciassero la loro corsa per arrivare al titolo di fine stagione. Il Day 1A è cominciato con 140 giocatori, compreso un buon numero di giocatori famosi come il tennista Boris Becker, la modelle brasiliane Angelita Feijo e Vanessa Machado, l’attrice argentina Geraldine Neumann, ed il campione delle 2003 WSOP Chris Moneymaker. Tra loro c’era la professionista del Team PokerStars Maria Mayrinck,il vincitore del LAPT Chile Fabian Ortiz, e Jamie Ateneloff.

Quando il primo giorno è giunto alla fine, sono rimasti solo 27 giocatori, con Ateneloff dell’Uruguay chip leader con 108,300. Eduardo Santi e Jorge Landazuri de Los Rios erano ex equo al secondo posto con 96,300 ciascuno, e Damian Salas e Pablo Damian Tinca completavano la cinquina finale.

Il Day 1B ha portato altri 151 giocatori ai tavoli, che hanno completato il sopracitato numero di 291 giocatori ed il corrispettivo montepremi di $1,411,350. Altri nomi famosi erano in gioco durante il secondo starting day del torneo, tra questi il vincitore delle 2005 WSOP Joe Hachem, i professionisti del Team PokerStars Andre Akkari, Alex Gomes, Veronica Dabul, Leo Fernandez, Dennis Phillips, e J.C. Alvarado, Max and Maria Stern, e molti membri della famiglia Brenes - Humberto, Alex, e Roberto.

Quando la giornata è giunta al termine, sono rimasti solo in 35, e Robin Chesne era chip leader con la bella somma di 146,900 in fiches. Jason Skeans deteneva il secondo posto con 123,400, mentre Luis Jaikel, Marcelo Giorgetta, e Dominik Nitsche occupavano i restanti posti della classifica.

Un totale di 62 giocatori si è riunito per il Day 2 del torneo, con diversi professionisti battuti entro il primo pomeriggio, uno dei quali è stato Alex Brenes. Con lo svolgersi della giornata, e con una frequenza di eliminazioni abbastanza sostenuta, è stato finalmente scoperto l’uomo bolla quando Eduardo Camia è andato all-in con sole 4,500 fiches con K[s]-Q[s]. Jose Barbero ha chiamato con solo 9[c]-4[d], ma il board ha immediatamente aiutato Barbero con 9[d]-7[s]-5[c]-2[s]-8[c]. Camia è diventato l’uomo bolla del torneo, lasciando i tavoli al 28° posto e senza premi ma con del tempo in più per godere di Mar del Plata.

Ciò ha lasciato che Marcelo Giorgetta si aggiudicasse il primo premio disponibile, del valore di $14,120 per il 27° posto. Man mano che le eliminazioni sono seguite, il 77enne Jamie Ateneloff ha ottenuto il 16° posto e poi i rimanenti sono andati in pausa cena.

Quando sono tornati, le eliminazioni hanno preso il via con Damian Salas al 15° posto, Eduardo Santi al 14° posto, Alejandro Rodriguez al 13°, Hugo Spangerberg al 12° e Mark Ioli, è passato da chip leader durante il Day 2 all’11° posto.

Finalmente, con un solo giocatore ancora da eliminare prima che il giorno volgesse al termine, Jason Skeans ha tentato un audace all-in dal piccolo buio, ma Vincenzo Giannelli ha risposto con un call all-in mettendo in pericolo la sua vita nel torneo dal grande buio con coppia di K. Skeans ha girato A[h]-6[c], ed i due hanno visto arrivare sul tavolo un flop con 2[s]-J[c]-5[d]. E’ stato l’ A[s] del turn a dare a Skeans la coppia migliore, e quando non sono uscite K al river, Giannelli ha dovuto ritirarsi al 10° posto con $28,200.

Ed ecco il tavolo finale pronto per il giorno successivo con le seguenti fiches:

Dominik Nitsche 817,000
Sergio Farias 474,000
Jorge Landazuri 428,000
Jason Skeans 338,000
Leo Fernandez 329,000
Jose Barbero 181,000
Rodolfo Awad 170,000
Derek Lerner 151,000
Alfons Fenijn 65,000

Quando i giocatori sono tornati il 19 Aprile per sfidarsi per il titolo, Nitsche era la persona più notabile al tavolo, dato che lo studente liceale era in gara a soli 18 anni. Landazuri era l’unico 19enne e studente di medicina, per cui la fascia giovanile era ben rappresentata. Fernandez rappresentava l’ Argentina in veste di Professionista del Team PokerStars ed era anche l’acquisto più recente del suddetto team, ma anche Farias e Barbero cercavano di vincere per la loro terra natìa, l’ Argentina. Awad rappresentava il Chile, ed a rappresentare qualcosa più a nord c’erano Lerner per il Canada e Skeans per gli Stati Uniti. Fenjin si batteva per l’Olanda. E tutti avevano lo stesso obbiettivo - vincere.

Non c’è voluto molto perché l’azione cominciasse. La seconda mano del giorno ha visto un all-in di Barbero dal grande buio dopo una raise iniziale da parte di Farias. Barbero sedeva con A[d]-K[c], ma Farias aveva coppia di 5 ed ha chiamato. Il flop ha dato immediatamente il vantaggio a Farias quando ha portato sul tavolo Q[s]-10[d]-5[c], e il 6[d] al turn ed il 9[s] al river hanno solidificato il tutto. Jose Barbero è andato via al 9° posto con $28,220.

Cinque mani più tardi, l’originario short stack del tavolo ha deciso di tentare. L’ all-in da parte di Fenijn è arrivato preflop per i suoi ultimi 52,000, e Farias ha risposto con un reraise per isolare il gioco, il che ha funzionato. Fenijn ha mostrato Q[s]-10[h], ma Farias aveva coppia di J. Il board ha dato A[h]-K[h]-3[d]-5[c]-10[d], ed i jacks sono serviti per mandare via Alfons Fenijn all’8° posto con $35,280.

La partita si è rallentata un po’ rispetto alla fase iniziale che sembrava “fast-and-furious”, ma poi Lerner è andato all-in con i suoi ultimi 100K preflop con A[s]-8[s]. Awad con coppia di Q ha chiamato. Il board ha portato un po’ di aiuto allo short stack con il flop di 8[d]-7[s]-2[h], ma la Q[c] del turn ha deciso l’andazzo. Dopo che il 5[h] del river è stato poggiato sul tavolo, Derek Lerner è stato ufficialmente eliminato al 7° posto con $49,400.

La monster hand successiva ha fatto parlare tutti. È cominciata con un raise iniziale da parte di Nitsche, dopo il quale Fernandez è andato all-in per 230K. Farias lo ha seguito con un all-in con i suoi 515K. Nitsche ha chiamato entrambi con coppia di Assi, Fernandez ha mostrato coppia di K, e Farias coppia di 10. Il board non ha portato nulla di ciò mostrando J[s]-8[d]-4[h]-Q[c]-6[c]. Leo Fernandez è sato eliminato al 6° posto con $63,520, e Sergio Farias si è accontentato del 5° posto e dei conseguenti $77,620.

A quel punto, erano rimasti solo 4 giocatori, e Nitsche era in testa con quasi 2 milioni di fiches. I restanti giocatori faticavano a raggiungere quota 500K.

Skeans è stato il successivo ad andare ad investire il suo stack restando con 159K. Awad ha chiamato con A[c]-7[c], e Skeans è stato costretto a mostrare 6[d]-2[h]. Il dealer ha dato loro K[d]-9[d]-4[h]-3[s]-10[d], e Jason Skeans è finito al 4° posto com $105,860 di montepremi.

Awad è stato il prossimo a fare un tentativo, andando all-in preflop con coppia di 4. Ma Landazuri ha chiamato con coppia di 9. Il flop era incoraggiante per Awad dando 8[c]-4[d]-2[h] e regalandogli un tris, e l’A[c] del turn gli ha dato ancora più speranza. Ma il 9[s] uscito al river ha definito il tris migliore ed ha concesso il piatto a Landazuri. Rodolfo Awad ha così lasciato il torneo al 3° posto con $141,140.

L’Heads-up è cominciata con le seguenti fiches:

Dominik Nitsche 2,085,000
Jorge Landazuri 941,000

Ed è bastata una mano.

Appena i due giocatori si sono seduti, sono state servite le carte. Nitsche ha cominciato rilanciando a 80K, e Landazuri ha chiamato per vedere arrivare il flop con K[h]-9[d]-8[h]. Nitsche ha puntato 50K, ma Landazuri ha risposto con un check-raise a 140K. Nitsche ha chiamato ed il turn è arrivato con un 10[s]. Landazuri ha puntato 150K, che Nitsche ha chiamato. Quando il river ha mostrato una K[d], Landazuri è andato all-in con J[s]-5[c] e nient’altro che una scala mancata. Nitsche ha chiamato con K[s]-J[h] e tris di K. Jorge Landazuri ha così’ finito la sua corsa al 2° posto con $211,700 per gli sforzi.

Dominik Nitsche ha vinto il Latin American Poker Tour Grand Final ed il titolo di Mar del Plata, un trofeo per commemorare l’evento, e $381,030 del premio. Si è anche goduto l’onore di esser diventato il più giovane vincitore del LAPT nella storia del tour.

(Grazie al blog di PokerStars e PokerNews per gli aggiornamenti live.)