Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Eventi di Poker | EPT

EPT Russia Cancellato e Sostituito da Tappa in Ucraina

Condividi
Aveva fatto notizia la decisione di PokerStars.com di far partire la prossima edizione dell’European Poker Tour da Mosca ed ora fa notizia che prima ancora di aver goduto della possibilità di ospitare un EPT, la tappa russa è stata cancellata. La decisione è stata naturale e inevitabile conseguenza del recente cambio legislativo in merito al gioco d’azzardo in Russia.

Alla notizia dell’approvazione della nuova legge russa che vietava ogni forma di gioco d’azzardo al di fuori di quattro nuove zone protette non aveva fatto seguito alcun comunicato ufficiale da parte di PokerStars. I responsabili del tour stavano infatti cercando di chiarire fino a che punto la nuova legge potesse influire sulla tappa di apertura della sesta edizione dell’EPT. Infine, qualche settimana dopo il primo luglio, data entro la quale tutti i casinò russi avrebbero dovuto chiudere, è stato chiaro che PokerStars non avrebbe potuto realizzare il proprio evento. A tutti ciò ha fatto seguito la comunicazione ufficiale del lancio di una tappa alternativa a Kiev in Ucraina.

Le date del torneo cambiano di poco dato che solo il giorno d’inizio del festival è stato spostato dal 17 al 18 agosto. L’evento si concluderà comunque entro il 23 agosto come inizialmente previsto anche per la tappa di Mosca. Altro cambiamento riguarda il buy-in in Euro invece che in Rubli - 5’000 Euro ad essere precisi. Sarà il palazzo dello sport i Kiev ad ospitare l’evento che potrà vantare il patrocinio del ministero della gioventù, dello sport e della famiglia oltre che il supporto tecnico della federazione pokeristica ucraina.

In Russia la situazione è invece ben più triste: oltre 40 casinò sono stati chiusi per ordine del governo e stando agli esperti dell’industria del gambling, oltre 400’000 persone hanno perso il proprio lavoro a causa della nuova legge. Ciò nonostante si sta ancora discutendo la possibilità di mantenere in vita club che offrono esclusivamente poker - disciplina che in Russia è ritenuta uno sport.