Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Eventi di Poker | EPT

Max Lykov Comanda e Vince il Primo EPT di Kyiv

Condividi
L’inizio della sesta stagione del European Poker Tour è stata un’esperienza molto interessante ancora prima di incominciare. Inizialmente, si doveva svolgere a Mosca, ma quando il cremlino ha deciso di revocare la sua decisione sul poker e di chiudere la maggior parte dei casinò redditizi del paese, l’EPT si è trovata a decidersi sul da farsi. Così la scelta è ricaduta su Kyiv, Ucraina.

In collaborazione con il Ministero Ucraino della Gioventù, e della Famiglia, e dello Sport e la Federazione di Poker Ucraina, è stato annunciate così che il Kiev Sports Palace sarebbe stata la casa della prima tappa del EPT, che ha trovato anche il consenso di molti giocatori europei poiché il viaggio sarebbe stato più leggero. Quindi, il 18 Agosto, sono arrivati a Kiev – dove subito hanno scoperto che si scrive Kyiv.

L’adrenalina ufficialmente è iniziata a circolare con l’inizio dei primi due giorni, con 129 giocatori seduti ai tavoli, dopo una cerimonia di apertura con musica e ballerini Ucraini. Dopo le sette ore del primo livello che hanno concluso il primo giorno, solo 93 giocatori sono sopravissuti, e tra di loro c’erano Alex Kravchenko, Nikolay Evdakov, “Miami” John Cernuto, e Arnaud Mattern. Il chip leader era Mihaylo Demidenko, con 145,125 chips.

Nel secondo giorno c’erano addirittura più giocatori che si sono seduti ai tavoli - 167 giocatori – per un totale di 296. Mentre gli organizzatori si aspettavano più iscritti, fissando infatti il cap a 600, il montepremi comunque è arrivato a €1,391,200, di cui €330,000 al vincitore finale. Alla fine di questo secondo giorno, 110 giocatori sono rimasti, tra questi Katja Thater, Leonardo Fernandez, Ivan Demidov, Shaun Deeb, e Dragan Galic. Messe a posto le chip Viktor Ivanov si ritrova chipleader con 153,825 chips.

Day 2 vede I 203 giocatori sopravissuti darsi battaglia per I prossimi 5 livelli. Thater è stato uno delle prime vittime, gli hanno fatto poi compagnia anche Kravchenko, Demidov, Deeb, Vitaly Lunkin, Cristian Dragomir, e Faraz Jaka. Alla fine del terzo livello già metà giocatori sono out, e solo 68 giocatori sono rimansti alla fine del giornata. Il leader Max Lykov si ritrovava 400K, e Vitaly Tolokonnikov second con 397,900.

Nel terzo giorno si voleva arrivare fino a che non scoppiava la bolla, anche se l’intenzioni iniziali erano di arrivare fino a 24 giocatori, ma il gioco veloce li ha fatti decidere per arrivare a 32. Mattern e Cernuto I primi ad andare a casa, come la ragazza di Demidov, Lika Gerasimova. Il gioco Hand-for-hand play non è tardato ad arrivare, e due all-in hanno fatto scoppiare la bolla per l’eliminazione in 41esima posizione. Serguei Pomerantsev ha fatto l’all-in con A♥-Q♥, ed è stato chiamato da Jonas Kronwitter con coppia di jack. Il board esce 7♦-J♣-9♣-5♣-10♣, e Pomerantsev diventa il bubble boy.

Jorg Peisert è il primo ad incassare e ricevere €7,610 per il 40esimo posto, e il chipleaser del Day 1A Mihaylo Demidenko è uscito in 37esima posizione. Con l’eliminazione di Albert Sungatallin in 33esima posizione è finite la giornata, con Max Lykov che mantiene la sua chip lead con 636,000. Subito dopo c’erano Vadim Markushevski e Vitaly Tolokonnikov in seconda e terza posizione.

Il Day 4 è partito a ritmo serrato, con eliminazione immediate. Artem Litvinov apre le danze uscendo in 32esima posizione. Poi il gioco si è rallentato, specialemte dopo che Alexey Maslov è stato fatto fuori in decima posizione da Lykov. Ci sono volute ore per trovare l’ultima eliminazione del giorno, ed è stato Michael Meyburg mandando i resti di 316K all-in con due sette. Tolokonnikov chiama dal big blind con A♦-10♠, e il board esce Q♠-10♣-J♠-5♣-8♦, e Meyburg esce in nona posizione, ricevendo €23,000.

Gli 8 giocatori rimasti così sono andati a dormire per poi sfidarsi per il titolo di campione di questo primo Ept. I giocatori e il chip cout:

Seat 1: Vadim Markushevski 1,662,000
Seat 2: Lucasz Plichta 731,000
Seat 3: Adrian Schaap 520,000
Seat 4: Arthur Simonyan 531,000
Seat 5: Torsten Tent 264,000
Seat 6: Maxim Lykov 2,597,000
Seat 7: Alexander Dovzhenko 1,590,000
Seat 8: Vitaly Tolokonnikov 1,019,000


Il gioco riprende con I due chipleader che si scontrano in un pot bello grande, Dovzhenko subito si diventa chip leader e con 10K prende il controllo. Ma intanto la maggior parte dei giocatori lottano solo per rimanere in vita.

Markushevski viene coinvolto in una Guerra di raise con Tolokonnikov e Dovzhenko preflop, e quando quest ova all-in, Tolokonnikov esce di scena e Markushevski fa call con coppia di kappa per meno di 100K di Dovzhenko, che mostra solo una coppia di assi. Il board è inifluente, 8♣-2♠-10♠-4♣-10♦ , e Vadim Markushevski esce in ottava posizione vincendo €30,000. Dovzhenko diventa così chip leader.

Lykov decide di conquistare qualche chip per riprendere la sua posizione di partena, quindi quando Tent va all-in preflop, Lykov chiama con K♦-8♦. Tent mostra A♣-8♠, ma il flop aiuta Lykov uscendo 8♥-K♣-3♣. Un 4♦ al turn e un 9♠ al river mettono la parola fine sul torneo di Torsten Tent, uscendo settimo e vincendo €45,000.

Prima di un’altra eliminazione è passato un bel po’ di tempo, poiché molti short stack hanno raddoppiato. Schaap lo ha fatto con Dovzhenko, Simonyan con Plichta, e Tolokonnikov e Plichta entrambi con Lykov.

Alla fine, un tentative è andato a male. Schaap va all in preflop con A♥-Q♣, ma si scontra con la coppia di 10 di Lykov. Il board è a favore di Lykov, 4♠-4♦-3♥-J♦-2♥, e Schaap esce sesto con €60,000.

Il gioco si rallenta, questa volta con qualche raddoppio e un po’ di fold. Passano così le ore ed I livelli, e Simonyan è riuscito a raddoppiare contro Dovzhenko.

Finalmente, Plichta decide di rischiare il suo torneo con coppia di otto, ma Tolokonnikov si sveglia con coppia di donne e fa call. Il dealer gira il flop 10♥-8♥-Q♠ dando qualche speranza, ma un 9♠ al turn e un 5♠ al river non sono di aiuto. Lucasz Plichta eliminato in quinta posizione per €80,000.

Simonyan lo short stack del gruppo continua a lottare. MA quando scende a soli 275K, manda I resti con Q♣-8♣. Ma Dovzhenko chiama con coppia di 10, e il board esce K♣-4♦-8♦-4♥-K♦ eliminadno Arthur Simonyan in quarta posizione per €100,000.

Gli ultimo tre giocatori arrivano così alla pausa cena. Quando ritornano, Vitaly Tolokonnikov non ha perso tempo per ingaggiare uno scontro vs Lykov. La Guerra dei raise preflop vede Tolokonnikov all-in con due sette, e Lykov invece aveva A♦-J♣. Il dealer gira le carte 3♣-Q♠-5♥-A♥-8♦, e il turn da a Lykov il pot…e la chip lead. Vitaly Tolokonnikov esce così in terza posizione vincendo €140,000.

Il gioco Heads-up play inizia con il seguente chip count:

Max Lykov 5,895,000
Alexander Dovzhenko 3,020,000


Dovzhenko vince il primo pot, e Lykov rimane sulla difensiva dando al suo avversario la possibilità di vincere qualche chip. I due hanno messo tutte le loro chip nel pot solo quando Dovzhenko aveva bisogno di raddoppiare, ma hanno splitato poiché entrami hanno chiuso un full house, Dovzhenko con 8-3 e Lykov con Q-8 su un board di 2-2-8-8-J.

Poco dopo, la battaglia si ripresenta. I due vedono un flop di 4♠-J♦-7♠, e entrambi fanno check per un 4♣ al turn. Dovzhenko punta, ma Lykov check-raised. Dovzhenko va all-in con J♣-10♥, ma Lykov immediatamente chiama con 9♦-4♥ per il set di 4. Un A♦ al river, manda Alexander Dovzhenko a casa in seconda posizione per €220,000.

Maxim Lykov dalla Russia batte l’Ucraino nell’heads-up e vince la prima tappa della sesta stagione del EPT portandosi a casa €330,000.