Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Poker Live | Poker nei Casino'

Olivier Busquet Incredible Comeback e Vince il WPT Borgata Poker Open

Condividi
Il Borgata Poker Open cambia. Dopo un lungo stop al World Poker Tour , il Borgata ha riconosciuto l’impatto della recessione Americana su tutto, compreso il poker. Nel Gennaio 2009, l’Atlantic City casino con uno sforzo ha abbassato i buy-in per dare la possibilità a più giocatori di poker di potervi partecipare. Ha funzionato, e quando il WPT Borgata Poker Open è partito il 19 Settembre, hanno abbassato anche loro il buy-in del “WPT circuit” a $3,500 con un montepremi garantito da $2 milioni.

Al Day 1A si sono visti 326 giocatori, e c’erano personaggio del calibro di Kenna James, Chino Rheem, Ray Henson, Matt Matros, Jonathan Little, Kathy Liebert, Theo Tran, Eric Baldwin, Dwyte Pilgrim, Alex Bolotin, Soheil Shamseddin, Nancy Todd Tyner, Steve Brecher, e Cornel Andrew Cimpan. Alla fine del giorno, non si conosceva l’esatto chip count ma si vociferava che Ray Henson era in testa.

Nel Day 1B si sono aggiunti altri 692 giocatori, per un totale di 1,018 e creando così l’evento del World Poker Tour con maggior iscritti di sempre. Il montepremi è salito a $3,359,400 con un primo premio sui $925K, ma solo I primi 100 a premio. Anche nel secondo giorno si sono viste facce note come, like Gavin Smith, Roy Winston, Bill Gazes, Ted Lawson, Chris Bell, Allen Kessler, Bernard Lee, Brian Lemke, Lacey Jones, e John D’Agostino. Di nuovo non si conosceva il chip count.

Il Day 2 è iniziato con 570 giocatori, ma solo 167 riusciranno a sopravvivere. Tra i sopravissuti c’erano Bill Gazes, Kathy Liebert, Jonathan Little, Michael Binger, e Lee Childs. Ma in testa c’era Olivier Busquet con 524,600, seguito da Tony Moussa e Danny Illingworth.

Nel Day 3 subito si è arrivati alla zona bolla, ed in poche ore, è scoppiata quando Paul Georges viene eliminato in 101esima posizione. I restanti 100 giocatori andranno a casa come minimo con $4,704, e alcune delle face note ad andare a premio sono state Jason Dewitt 81esimo, Soheil Shamseddin 71esimo, Matt Brady 66esimo, e Kathy Liebert 29esimo. Con 27 giocatori rimasti, il gioco è terminato con Yanick Brodeur in testa con 3,016,000, seguito da Frank Calo e Ray Henson.

Nel Day 4 si arriverà fino al tavolo finale, con Ofir Mor eliminato in 27esima posizione. Altre significant eliminazioni della giornata sono state Bobby Suer in 25esima posizione, Chris Reslock 11esima, Steve Brecher decimo, e Ray Henson nono. In ultimo, con sette giocatori rimasti e a meno uno dal tavolo finale, Michael Brown va all-in con poco più di un milione in chips con coppia di otto, e Jeremy Brown chiama con A♥-K♣. Board Q♣-10♠-7♥-J♥-6♦ e Jeremy Brown fa scala ed elimina Michael Brown in settima posizione con $117,579 in tasca.

Ecco il Tavolo Finale:

Seat 1: Yanick Brodeur 5,780,000
Seat 2: Keith Crowder 2,750,000
Seat 3: Jeremy Brown 5,480,000
Seat 4: Olivier Busquet 10,350,000
Seat 5: Kenny Nguyen 600,000
Seat 6: Ivan Mamuzic 5,655,000


L’azione riprende con gli short-stack pronti a fare le loro mosse. Nguyen lo ha fatto dopo solo tre mani dall’inizio della serata con coppia di otto, ma si è scontrato contro la coppia di kappa di Busquet. Board A♣-J♦-2♥-10♦-7♣, e Kenny Nguyen viene eliminato in sesta posizine, $156,212.

Crowder ha aspettato fino alla 18esima mano per fare la sua mossa. Crowder va all-in con 10♠-4♠ dallo small blind, ma Brown si trova con due otto nel big blind. Il dealer da un po’ di pseranze a Crowder con questo flop 4♦-2♥-2♠, ma un 5♣ al turn ed un J♦ al river dichiarano i giochi finiti per Keith Crowder, che vince $188,126 per il suo quinto posto.

Il gioca a questo punto rallenta un pochino, e nessun big pot è stato giocato fino a che Brown non balza in testa. Lo fa in un piatto da 7.7 milioni-chip contro Busquet, Brown passa così in testa. Aggressivo sia nel gioco che verbalmente, Brown ha così scalato la vetta.

Nel frattempo, Brodeur scende in basso e finalmente fa un raise all-in dal big blind con A♥-K♦. Brown va in all-in per le sue chip con A♣-Q♥, e Brodeur chiama. Flop innocente 9♥-8♣-6♥, ma una Q♦ esce al turn. Un 4♦ al river e Yanick Brodeur esce quarto, $216,681.

Si passa al Three-handed con Ivan Mamuzic nello short stack, il quale va all-in dal big blind per I suoi ultimi 2.8 milioni. Brown chiama con coppia di sei, dominando la coppia di tre di Mamuzic. Board Q♣-9♥-6♦-10♦-10♠, e Brown chiude un full house mentre Mamuzic esce in terza posizione vincendo $251,955.

Heads-up:

Jeremy Brown 22,640,000
Olivier Busquet 7,965,000


Brown continua il suo gioco aggressivo non facendo giocare Busquet per più di 20 mani. Finalmente, arriva l’opportunità per Busquet che attraverso Brown con J-7 contro Q-9, quando un jack esce al turn. Sei mani dopo, Busquet raddoppia di nuovo con coppia di donne.

Busquet 20 mani dopo raddoppia ancora. Sette mani dopo, Busquet vince un piatto di oltre 7 milioni quando chiama un bluff di Brown, e il chipleader diventa così Busquet.

Brown dopo vince un gran piatto tornando in testa, ma Busquet chiaramente non aveva intenzione di mollare. Busquet torna in testa, vincendo un monster pot di oltre 20 milioni-chip lasciando Brown con meno di 10 milioni.

Due mani più tardi, il gioco termina. Brown rilancia preflop e Busquet chiama, flop 4♠-4♣-3♣. Brown va all-in con 5♠-2♠ per il straight draw, ma Busquet chiama con A♠-4♦ per il set. Al turn esce un 7♠ dando a Brown un flush draw, ma un 5♣ esce al river eliminando Brown al secondo posto con $453,519 in tasca.

Olivier Busquet riesce in un comeback incredibile che I reporters dicono bisognerà vederlo su canale Fox Sports per crederci. Busquet vince il braccialetto del WPT e $925,514.