Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Eventi di Poker | EPT

Aaron Gustavson Sconfigge Peter Eastgate e Vince l’EPT di Londra

Condividi
Con le “World Series of Poker Europe” appena concluse, è tempo del “PokerStars.com European Poker Tour”, che si terrà sempre a Londra . Il buy-in di £5,000 è esattamente la metà di quello del WSOPE Main Event. L’EPT di Londra è tra I più attesi del circuito, e come sempre non ha deluso le aspettative.

Nel Day 1A si sono registrati 304 giocatori, e tra I tavoli si sono viste face note del calibro di Peter Eastgate, Roland de Wolfe, Arnaud Mattern, Vivek Rajkumar, Mike Matusow, Vicky Coren, Shaun Deeb, Ludovic Lacay, Alex Kravchenko, Sandra Naujoks, Chris Bjorin, “EPT Barcelona champion” Carter Phillips, Chris Ferguson, Erik Seidel, Marcel Luske, e l’ex giocatore di calcio inglese Teddy Sheringham. A fine giornata, sono rimasti in 129 con Mario Cordero chipleader con 218,100.

Nel Day 1B altri 426 si sono registrati, per un totale di 730 giocatori e un montepremi di £3,540,500 con un primo premio da $850,000. Con questo, l’EPT di Londra è diventato il più grande torneo mai svoltosi in UK. Nomi importanti in questo secondo giorno erano Annette Obrestad, Bertrand Grospellier, Tom Dwan, Barry Shulman, Jeff Lisandro, JC Tran, Liz Lieu, Dennis Phillips, Dan Harrington, Chad Brown, Dario Minieri, Nenad Medic, e James Akenhead. A fine giornata, sono rimasti 189, e Nikolai Senninger era il chipleader con 323,100 chips.

Nel Day 2 318 giocatori sono ritornati ai tavoli, molti di loro non sono riusciti a sopravvivere. Giocatori come Dennis Phillips e Barry Shulman sono stati I primi ad essere eliminati, alla fine dei giochi, 111 giocatori sono rimasti con Tommy Vedes chipleader con quasi 600K in chips.

Il Day 3 sembrava essere un giorno molto duro, la zona bolla era alle porte. Solo 104 giocatori sarebbero stati pagati, e sulla bolla, Piero Mormina va all-in per le sue ultime 28,500 con coppia di tre, e Benny Spindler chiama con J♠-8♣. Al board esce una scala 7♠-10♣-10♥-A♦-9♣, e Mormina esce sulla bolla.

Come riprende il gioco, Olaf de Zeeuw è il primo ad incassare, vincendo £7,500 per il suo 104esimo posto, e nella lista degli eliminate troviamo nomi noti come Surinder Sunar in 100esima posizione, Arnaud Mattern in 97esima, Ross Boatman in 82esima, Eugene Katchalov in 77esima, JP Kelly in 58esima, Tommy Vedes in 54esima, JC Tran in 50esima, Teddy Sheringham in 49esima, James Obst in 44esima, Maria Mayrinck in 43esima, John Juanda in 40esima, Jeff Lisandro in 38esima, Chris Ferguson in 37esima, Darus Suharto in 36esima, e infine Tamas Lendvai in 25esima. La giornata finisce con 24 giocatori rimasti in gioco con Michael Berry in testa con 1,837,000 chips.

Nel Day 4 sisarebbe giocato fino al final table. L’azione riprende con Philip Byers che ci lascia in 24esima posizione vincendo £17,000, seguito da volti noti com Theo Tran in 23esima, November Nine Kevin Schaffel in 19esima, Annette Obrestad in 17esima, e Marty Smyth decimo. Infine, con un solo giocatore da eliminare, Vivek Rajkumar era all-in preflop con K♥-J♠, e Dominic Cullen aveva A♥-Q♦. Il board aiuta Cullen con 5♣-A♣-10♦-8♦-A♦, e Rajkumar esce nono vincendo £38,000.

Ecco quindi il Final Table:

Seat 1: Karim Bennani 845,000
Seat 2: Martin Gudvangen 3,510,000
Seat 3: Nikolai Senninger 2,175,000
Seat 4: Raymond Wu 1,535,000
Seat 5: Aaron Gustavson 7,140,000
Seat 6: Dominic Cullen 2,105,000
Seat 7: Peter Eastgate 3,535,000
Seat 8: Rui Milhomens 1,100,000


L’azione riprende con Gustavson che consolidifica il suo primo posto in chip e Eastgate che cerca di raggiungerlo. Con grandi mani con Cullin e Gustavson, Eastgate reduce il divario con il chipleader.

Bennani non stave avendo molta fortuna. Il short stack era ormai rimasto con 300K e finalmente spinge all-in con K♦-3♥. Milhomens chiama dal big blind con K♠-10♠. Il flop gli regala qualche possibilità J♠-7♦-3♠, ma un 4♠ al turn e un 5♣ al river dichiarano la fine del torneo per Karim Benanni, che porta a casa £50,100 per essere uscito ottavo.

Wu era il prossimo a rischio, sceso ormai a solo 650K. Spinge con Q♣-10♥, e Gustavson fa call con K♣-6♣. Il board è dalla parte di Gustavson con un flop di K♥-8♥-5♦, un 5♣ al turn e un 2♦ al river mandano Raymond Wu fuori in settima posizione, £87,000.

Poco dopo, Milhomen e Eastgate si scontrano pre flop, e quando Eastgate contro rilancia all-in, Milhomen chiama con coppia di otto. Eastgate gira A♦-10♠, e il board esce 6♥-K♥-Q♦-4♠-10♥. Rui Milhomen eliminato in sesta posizione, £124,000.

Con cinque giocatori rimasti, Senninger riesce a raddoppiare contro Gudvangen ben due volte, rimanendo così in gioco e allontanandosi dalla zona pericolo. Ma Cullen non può dire lo stesso. Con 1.7 milioni in chips, spinge preflop con A♠-10♠, e Gustavson fa call con coppia di otto. Il flop chiude I giochi 8♦-5♥-4♦, Gustavson chiude il set, e un Q♥ al turn e un K♠ al river a poco servono. Dominic Cullen lascia il torneo in quinta posizione, £173,000.

Non è passato molto tempo per trovare un altro giocatore a rischio, ed era Gudvangen che spinge il suo short stack dallo small blind. Ma Senninger fa call dal big blind con A♥-Q♣ dominando Gudvangen con A♦-3♣. Board K♠-9♥-6♥-2♥-9♠, e Martin Gudvangen esce quarto, £227,000.

Il gioco Three-handed inizia con Gustavson in testa con 9,145,000, a seguire Eastgate subito dopo con 7,630,000. Senninger era lo short stack con 5,135,000, ma subito vince un piatto da 3 milioni in chip da Eastgate, sentendosi più al sicuro. Ma Eastgate rimane aggressive e risale, mentre Senninger scende.

Questo ci porta ad una mano tra Senninger e Gustavson, che vedono un flop di 3♦-7♥-Q♥. Gustavson bet, Senninger call, e il dealer scende un 9♣ al turn. Gustavson va all-in, e Senninger si prende un po’ di tempo prima di decidere, infine chiama con coppia di otto. Ma Gustavson mostra Q♦-10♠ per la top pair, e un 10♣ al river gli regala la doppia coppia e il pot. Nikolai Senninger esce così in terza posizione, £285,000.

L’Heads-up inizierà dopo la pausa cena con questo chip count:

Aaron Gustavson 14,000,000
Peter Eastgate 7,800,000


Non appena riprende il gioco, Eastgate perde un pot di 2 milioni di chips, quando Gustavson rilancia un bet di Eastgate su un board di Q♣-5♠-2♠-K♣-5♥, e Eastgate passa.

Questo ci porta direttamente alla mano finale della serata. Eastgate rilancia preflop, Gustavson contro rilancia, e Eastgate va all-in con A♥-9♦. Gustavson chiama senza esitazione con A♠-Q♦, dominando la mano. Board 3♠-5♦-6♥-K♣-J♥, e Peter Eastgate esce in seconda posizione vincendo £530,000.

Aaron Gustavson dagli USA vince l’EPT di Londra, portandosi a casa il trofeo e £850,000 in denaro.