Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Notizie Calde

Le Associazioni ancora al centro del movimento pokeristico italiano.

Condividi
Cari amici, appassionati tutti,
pubblico questa nota allo scopo di darvi qualche informazione sull'evoluzione attuale del poker live.

Nelle ultime settimane, abbiamo sentito notizie di tutti i tipi provenire dalle più svariate fonti e, molto spesso, si sono rivelate solo inutili bufale.

Metto subito in chiaro che ancora non abbiamo nessuna informazione sicura su quale futuro ci aspetti ne in quali tempi ma, i contatti istituzionali avuti negli ultimi giorni ci consentono di fare un'ipotesi che reputo attendibile su quello che sarà lo sviluppo del nostro settore.

Tutte le informazioni pervenute concordano su:

1) Il poker Live rimane in mano alle Associazioni sportive, la legge comunitaria prevede l'esclusione del fine di lucro, quindi non si ravvede alcuna possibilità che, stante la citata legge, il nostro gioco venga affidato in via esclusiva a strutture commerciali;

2) Non sono previsti costi per l'attribuzione di licenze: come spiegato al punto precedente, non essendoci finalità di lucro, non ci possono essere concessioni ad hoc;

3) La legge prevede che solo i concessionari di Stato possano effetturare il gioco, quindi si sta studiando la formula per far si che i soggetti già in possesso di concessione AAMS, possano porre la propria "egida" sulle Associazioni;

4) Le Associazioni diventeranno "sostituto di imposta", dovranno versare le tasse come sarà previsto dal regolamento, effettuando il prelievo a monte della elargizione dei premi;


Questi punti sui quali concordano tutti i nostri contatti ci rendono particolarmente orgogliosi della linea seguita durante tutto l'iter che ormai tutti conosciamo bene.

Le dolenti note riguardano invece le discordanze sui tempi di pubblicazione del regolamento attuativo. Per questo ho rinviato per più giorni e adesso deciso di sospendere, la pubblicazione di un comunicato stampa con le notizie pervenuteci. La previsione più ottimistica vede in qualche settimana il tempo di attesa, la più pessimistica qualche mese.

Negli ultimi giorni molte interviste che mi sono state fatte non hanno visto la ribalta degli organi di informazione forse, per i toni usati: riassumendo in breve ho denunciato che " A fronte di una legge che si prefigge di contrastare il gioco illegale, il risultato causato della burocrazia italiana è che paralizzando di fatto le Associazioni che lavoravano alla luce del sole, si sono spinti sempre più i giocatori a rivolgersi all'offerta di gioco illegale, andando così a stravolgere l'intento primario del legislatore".

Noi non ci arrendiamo! " Il CITH si deve giocare nei Club" dicevamo e continueremo ad affermare che la vera ricchezza di tutto il movimento italiano, sono proprio le associazioni che ci onoriamo di rappresentare.

Fonte Profilo facebook Isidoro Alampi