Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | World Series of Poker | WSOP

ESPN - Revisione Televisiva delle WSOP - 27 Ottobre, 2009

Condividi
E tornarono in 27. Nei tre tavoli finali troviamo in assoluto il miglior giocatore di poker riconosciuto (Phil Ivey), una donna (Leo Margets), un ex mago (Antonio Esfandiari) e ancora più importante, i nove che presto diventeranno i November Nine. Questa sera l’attenzione è tutta per i November Nine, tutti vogliono sapere come sono arrivati al final table. Vediamo cosa è accaduto.

Il tavolo principale includeva Ivey, Jeff Shulman, Joe Cada e il chip leader Darvin Moon.
Sfortunatamente, Ivey non ha iniziato la serata nel migliore dei modi. Dopo aver perso un pot da Jordan Smith, quando bluffando ha fatto un check-raised con un asso a terra al turn col niente in mano contro la top pair e il nut flush draw di Smith, e poi ha chiamato l’all-in di Nick Maimone con coppia di jack. Maimone gira Q♣-5♣, Ivey con un buon vantaggio, ma Maimone trova una donna, e Ivey inizia a capire che la sua sfortuna per anni nel Main Event sta ritornando.

Non è stata l’ultima volta che Maimone è stato fortunato. Earlier, è andato all-in con Q-10, scontrandosi con Darvin Moon dal big blind che gira Q-J. Maimone sopravvive facendo doppia coppia la board, dividendo il piatto. Subito dopo la mano con Ivey, Maimone mette tutte le sue chips dentro di nuovo. Jordan Smith rilancia a 320,000 con coppia di dieci e Maimone va fino a 825,000 con due sette, Smith fa call. Flop 8-Q-4, Smith va all-in e Maimone chiama con le sue ultime chips. Al turn un 7 (!!!) vincendo un altro pot e restando ancora in gioco.

Leo Margets è stata la prima ad essere eliminata con A-7 contro Warren Zackey A-10. A seguirla subito dopo è stato Francois Balmigere, dove i suoi due jack sono stati scoppiati da Billy Kopp, che centra una scala al river. Kopp durante quest’ora passa in testa. Rilancia da under the gun più 1 a 275,000 con una mano misteriosa, Antonie Saout chiama dal big blind con coppia di quattro. Flop 5-6-9, con due cuori. Saout check, e Kopp bet 600,000, Saout call. Turn un 6, entrambi fanno check, 3 al river, Saout fa check e Kopp fa un pot-sized bet di 1.7 milioni di chips. Saout call, e Kopp mostra 7♥-4♥, per una scala chiusa al river!

La notte degli orrori di Ivey in una delle mani più strne mostrare in un torneo quest’anno. Phil Ivey rilancia da under the gun a 320,000 con coppia di otto e Shulman giustamente passa la sua coppia di due, Smith spinge fino a 1 milione dal big blind con A-9. Flop 5-Q-10, con due picche, ed entrambi fanno check. Una donna di picche esce al turn, e fanno check di nuovo. Un asso di picche esce al river, e dopo che entrambi fanno check, Smith mostra il suo asso, e Ivey disgustato getta le sue carte nel muck, SENZA NOTARE DI AVERE UN 8 DI PICCHE PER IL COLORE VINCENTE!!!! Ivey poi fa raddoppiare Marco Mattes, che va all-in su di un raise da parte di Nick Maimone con coppia di donne, che Ivey chiama, perdendo di nuovo con coppia di jack.

La prima ora finisce con Antonio Esfandiari che viene eliminato. Rilancia a 310,000 con coppia di cinque, e Steven Begleiter chiama dal big blind con K♣-10♣. Flop 4-2-10 manda in vantaggio Begleiter, e di conseguenza rilancia a 1.61 milioni la continuation bet di 535,000 da parte di Esfandiari. Esfandiari allora va all-in e Begleiter chiama, ed il magician viene eliminato quando poi escono un 6 e un asso al turn e river.

Con 23 giocatori rimasti, the la seconda ora si è focalizzata su Ivey e Shulman, i due pro più esperti ancora in gioco, con Shulman che è l’unico ad essere arrivato già ad un Main Event final table. Tuttavia, Ivey continua con la sua serata negativa facendo raddoppiare George Caragiorgas, dove i suoi due resistono contro Ivey A-10 che non migliorano.

Nel frattempo, la maggior parte della seconda ora si è spostata in un confronto heads-up tra Steven Begleiter e Ben Lamb. Uno, Lamb rilancia a 285,000 under the gun con A-K, Begleiter fa call con 7♦-6♦. Il flop è generoso con Begleiter, 3-4-5 regalandogli un scala imbattibile. Fa check, e Lamb bet 325,000, Begleiter chiama semplicemente. Lamb allora passa alla puntata di Begleiter al tunr quando esce un altro 5. Due, i due vanno all-in pre-flop, Begleiter con coppia di nove e Lamb A♠-K♠. Questa volta, big slick aiutano Lamb, floppando un asso e trovando un kappa al turn. Questo lascia Begleiter sotto average, e trovandosi poi in gran svantaggio puntando 425,000 dal hijack con J♦-9♦, con Lamb che spinge a 1.1 milioni con coppia di assi, che Begleiter chiama. Tuttavia, di nuovo becca il flop, trovando una doppia coppia 5-J-9. Fa check, e quando Lamb punta 1.2 milioni, Begleiter va all-in e trova il call di Lamb, scioccato nel vedere l amano di Begleiter. Turn e river non aiutano Lamb, e Begleiter raddoppia a 17 milioni di chips.

L’ultima mano della serata vede Tommy Vedes eliminato in 19esima posizione, quando lui e Eric Buchman hanno floppato il tris, con il tris di setti di Buchman che batte il tris di tre di Vedes. A questo punto è tutto pronto per il prossimo show della prossima settimana, dove con solo due tavoli rimasti si giocherà fino al final table dei November Nine. Tutti i giocatori che sono arrivati al final table hanno giocato molto questa sera, con l’eccezione di Kevin Schaffel, che è stato completamente invisibile, e Darvin Moon, che dopo una mano iniziale e scomparso totalmente. Abbiamo visto delle belle giocate invece di Buchman, Akenhead, Cada e Saout, invece Shulman ha continuato con il suo gioco solido, evitando molte situazione molti difficile e pericolose. Alla prossima settimana, per la corsa al final table!