Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | World Series of Poker | WSOP

Tutti si Preparano per Il Final Table delle WSOP 2009 che Partirà il 7 Novembre

Condividi
Dopo un’estate emozionante, giocatori e fan di poker sono rimasti in attesa per mesi per sapere finalmente chi sarà il prossimo vincitore delle “2009 World Series of Poker Main Event champion”. I nove finalisti di novembre si sono assicurati più di $1.2 milioni a testa quando il 15 Luglio si è fermato il gioco, e ora i November Nine hanno la possibilità di vincere i $8.5 milioni di dollari del primo premio. Oramai siamo ai nastri di partenza, ed il Rio, Harrah’s, e ESPN si stanno preparando per il grande evento che si terrà a breve.

Il Final Table come nel 2008 si giocherà nel “Penn & Teller Theater” al “Rio All-Suite Hotel & Casino” in Las Vegas. Quest’anno però ci sarà una modifica nell’evento finale. I November Nine si riuniranno a mezzogiorno il 7 Novembre per giocare finchè non rimarranno in due, a quel punto ci sarà una pausa fino a Lunedì 9 Novembre alle 10pm. I due finalisti così avranno tempo di riposare e rigenerarsi per poi giocare l’heads-up lunedì notte.

Il gioco riprenderà il 7 Novembre a fine del 33esimo Livello con bui a 120K/240K e 30K di ante, e 24 minuti dopo inizierà il nuovo livello da 120 minuti. L’azione riprenderà con il seguente chip coount e i seguenti posti assegnati:

Seat 1: Darvin Moon 58,930,000
Seat 2: James Akenhead 6,800,000
Seat 3: Phil Ivey 9,765,000
Seat 4: Kevin Schaffel 12,390,000
Seat 5: Steven Begleiter 29,885,000
Seat 6: Eric Buchman 34,800,000
Seat 7: Joe Cada 13,215,000
Seat 8: Antoine Saout 9,500,000
Seat 9: Jeff Shulman 19,580,000

Ecco invece l’assegnazione dei premi:

1st place: $8,546,435
2nd place: $5,182,601
3rd place: $3,479,485
4th place: $2,502,787
5th place: $1,953,395
6th place: $1,587,133
7th place: $1,404,002
8th place: $1,300,228
9th place: $1,263,602


Tramite i media che hanno trasmesso e parlato di poker, e dietro l’industria del poker, è chiaro che Phil Ivey è il giocatore più noto al tavolo finale e potrebbe avere un grande effetto sul mondo del pokeristico se proprio lui vincesse il Main Event 2009. Tutto ciò è stato confermato durante una conferenza il 29 Ottobre, dove i co-hosts del ESPN Norman Chad e Lon McEachern hanno discusso sui giocatori nei minimi particolari. Ivey è più di un favorito, quello che lo rende il preferito di tutti è la sua calma al tavolo, la sua cordialità, e sportività in ogni occasione. Ma quando a Chad è stato chiesto perchè Ivey fosse così migliore degli altri giocatori di poker, Chad ha risposto che possiede forse un sesto senso, o meglio un sesto senso e mezzo, sul gioco e sui suoi avversari. Ivey non solo conosce il gioco perfettamente, ma sembra che riesca a giocare anche meglio degli altri.

Chipleader Darvin Moon non è stato comunque trascurato dagli organizzatori, dato che gli è stato dato credito per la sua posizione in chips. Moon biscaiolo del Maryland ha scelto di rimanere fuori dalla luce dei riflettori e di continuare la sua semplice vita – nessuna carta di credito, nessun grande acquisto fatto con i tanti soldi vinti, ma ha solo preso un volo aereo per le WSOP in Las Vegas. Questa storia è stata notata da Chad e McEachern che hanno ricordato la somiglianza con Moneymaker e l’effetto che potrebbe avere anche lui se vincesse, ma McEachern ha sottolineato anche che fino ad ora il boscaiolo sia stato aiutato tanto dalla fortuna, e la fortuna al final table conta molto poco. Chad ha anche aggiunto che Moon è il peggiore giocatore al tavolo, ma il suo gioco imprudente e impaziente dovrebbe garantirgli il terzo o quarto posto.

Jeff Shulman è un altro volto noto al tavolo, come anche è stato l’unico ad avere dichiarato di aver preso un allentaore nei mesi scorsi. La sua collaborazione con Phil Hellmuth per avere consigli è stato molto interessante, anche se nonostante ciò jeff Shulman è già tra i più esperti giocatori al tavolo dei nove. McEachern ha dichiarato anche che, Shulman ha imparato anche dai i suoi errori passati, nello specifico quando si è scontrato contro Chris Ferguson nel 2000 al WSOP Main Event final table.

Joe Cada anche lui ha tanto da raccontare essendo il più giovane al tavolo, una sua vittoria lo renderebbe il più giovane campione del WSOP Main Event champion, anche più giovane del vincitore dell’anno scorso Peter Eastgate. Chad e McEachern non gli hanno dato molto credito, anche se gli hanno riscontrato una discreta aggressività quando si trova in pericolo o quando viene aggredito.

Eric Buchman è uno dei giocatori più esperti, ma c’è stata un po’ di sorpresa quando McEachern ha dichiarato di sentire che Buchman ha le maggiori possibilità di vincere il final table. Dichiarandolo favorito per le sue abilità nel poker e la sua temperata natura. McEachern gli ha dato molto credito.


Kevin Schaffel non è stato preso in considerazione per nessun motivo in particolare, anche se, come ha notato McEachern non è di certo “un fuoco di paglia,” e la sua esperienza al tavolo risulta rilevante, come anche il secondo posto al WPT Legends of Poker. Ma comunque è stato detto che il suo primo pensiero fa al Golf, comunque con il suo carisma e attitudine gli garantiranno una bella posizione finale nel torneo, senza dare importanza a che posto arriverà.

Steven Begleiter fa notare Chad che è il secondo giocatore più anziano al tavolo, ma al tavolo finale è arrivato grazie alla sua fortuna. Dato che è un’incognita, i commentatori del ESPN non credono in una sua vittoria finale.

James Akenhead è stato indicato come un giocatore di successo, e Chad ha sottolineato che la sua aggressività lo aiuterà a farlo risalire in fretta e aumentare il suo short stack.

In ultimo, Antoine Saout è senza dubbio lo sconosciuto al tavolo. Chad correttamente ha sottolineato che Saout è l’unico giocatore che si sa veramente poco, e la sua esperienza al tavolo è molto limitata, specialmente in America, e quest’estate 2009 alle WSOP sono state le prime sue vacanze americane. Ma niente può impedirgli di giocare in modo intelligente e disciplinato, così che per Saout ci potranno essere delle possibilità di vittoria.

Oramai mancano pochissime settimane per poi scoprire il campione delle 2009 World Series of Poker Main Event champion.