Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Notizie Calde

Rassegna stampa

Condividi
Anche oggi, abbiamo raccolto per voi, alcune notizie interessanti provenienti dal mondo del poker:

PokerStars.it crea il Team Pro Online.
PokerStars ha annunciato la creazione di una nuova squadra di professionisti, il Team Online che si va ad aggiungere al Team Pro. I quattro, scelti tra oltre 500 candidati, sono Luca Moschitta, Antonio Tarantino, Alfio Battisti e Dalia Calvaruso. Luca Moschitta, pur avendo solo 20 anni può già vantarsi di innumerevoli risultati online e live, oltre ad essere stato il primo giocatore in Italia a comprare una Porsche con i punti FPP di PokerStars.it. Antonio Tarantino gioca a poker da molti anni, e nel tempo si è sicuramente meritato la fama di essere uno dei migliori giocatori nel panorama mondiale. Alfio Battisti è un giocatore di 25 anni di Latina. Ha già all’attivo tre vittorie al Daily Eighty Grand e due tavoli finali al Sunday 500, ma il suo miglior risultato è sicuramente il 2° posto nell’EPT di Varsavia che gli ha fruttato 295.000 euro. Dalia Calvaruso è una giocatrice di Palermo che vive a Roma da molti anni. È una giocatrice completa e molto preparata in ogni variante e presto diventerà Supernova su PokerStars.it, dove gioca sotto il nick ‘Dalia_c’. “Sono davvero felice – ha confessato la giocatrice – che PokerStars mi abbia concesso l’opportunità di far parte del Team Online. Quando ho avuto la notizia ho pianto di gioia. All’inizio dell’anno avevo già deciso il primo degli obiettivi da raggiungere, che è l’ambitissimo status di Supernova. Adesso che posso dedicarmi interamente a migliorare il mio gioco sono alla ricerca di un bel risultato. L’ideale sarebbe vincere un braccialetto ai prossimi ICOOP . Farò del mio meglio per ripagare PokerStars della fiducia che mi ha dato con questa sponsorizzazione”.
Fonte: Poker Sky

Nascono i primi professionisti del gioco online.
I soliti ignoti. Il poker online è un gioco che premia sempre i più bravi, giocatori che, per diritto della privacy, celano la propria identità dietro nickname da “combattimento”. OmgJoker, HARLEYQUINN66, nektarine16. Di loro non si sa quasi nulla, tranne la loro professione, quella di grinder, giocatori di poker professionisti. Uno stile di vita importato dagli Stati Uniti, imitato oggi da tanti italiani. Il migliore nei primi mesi del 2010 è OmgJoker che nell’ultima settimana ha arricchito il suo conto online della piattaforma ipoker (Snai, Sisal, Eurobet, Coegetech e Gamenet) di 1.600 euro, per un bottino complessivo di oltre 22 mila euro accumulato dal primo gennaio ad oggi. Una leadership messa in discussione da HARLEYQUINN66, che ha registrato vincite per 3.500 euro nell’ultima settimana, e oltre 21.000 dall’inizio dell’anno. Sul podio, nektarine16 che su PokerStars.it ha guadagnato 20.000 euro in poco più di due mesi.
Fonte: Poker Sky

Studente vince le Wsop su PartyPoker.
Giovanni Rizzo, 26 anni, di Parma, laureando in Giurisprudenza, ha vinto dopo circa 5 ore di gioco il pacchetto WSOP (World Series of Poker) da 10.000 Euro, messo in palio da PartyPoker sulla propria poker room, per partecipare all’evento di poker più famoso al mondo che si svolgerà a Las Vegas dal 5 al 17 luglio 2010.
A febbraio, Rizzo, giocatore di poker da 4 anni, ha partecipato alla PartyPoker Premier League di Las Vegas piazzandosi al terzo posto.
Tutti i vincitori del pacchetto di premi, una volta arrivati a Las Vegas, saranno invitati all’esclusivo seminario di poker WSOP dove riceveranno preziosi consigli, lezioni e trucchi dal Team PartyPoker, formato da giocatori di successo quali Mike Sexton, Tony G, Ian Frazer e il nuovo acquisto Dragan Galic.
Fonte: Poker Sky

Niente Olimpiadi per il poker!
In molti credevano ci fossero reali possibilità già nell’immediato ma per adesso nulla si concretizzerà.
E’ stata infatti smentita la voce secondo cui il poker sarebbe diventato disciplina olimpica a partire dalle Olimpiadi di Londra 2012.
E’ questo quanto riferito in un comunicato dalla Federazione Internazionale Poker che ha sottolineato come questo rumor sia privo di reale fondamento.
L’introduzione del poker alle Olimpiadi sarebbe dovuta passare tramite l’accettazione della federazione nell’Associazione Internazionale di Sport Mentali (I.M.S.A) che comprende già le federazioni di Scacchi (Fide), di Bridge (Wbf), di Dama (Fmjd) e di Go (Igf). Anche se gli organi massimi del poker mondiale stanno facendo di tutto per essere inseriti nell’IMSA questo passo deve essere ancora compiuto e non si hanno ancora notizia certe su quando possa avvenire.
Il problema sembra risiedere nel fatto che il poker non è ancora riconosciuto come sport di abilità dalla maggior parte dei paesi e ciò precluderebbe il suo inserimento nell’associazione degl sport mentali.
Comunque a Dubai dal 30 Aprile si terrà un nuovo congresso dell’IMSA che potrebbe ufficializzare la notizia di questo riconoscimento sicuramente meritato nei confronti di un gioco che ha riscosso enorme successo.
Solo dopo aver compiuto questo passo si potrà iniziare a parlare del Texas Hold em come sport olimpico anche se vista la situazione i tempi non sembrano essere brevi.
Dobbiamo quindi aspettare per poter veder i vari Phil Ivey, Doyle Brunson, Phil Hellmuth e tutti i migliori giocatori al mondo sfidarsi per la medaglia d’oro.
Fonte: PokerVideo

Jennifer Harman Charity Poker Tournament.
Il connubio tra poker e beneficenza non è certamente una novità. Sempre più spesso vengono organizzati tornei per aiutare le varie associazioni impegnate nel sociale e nella sensibilizzazione verso temi importanti.
Ad Aprile e precisamente il giorno 13 si terrà al Venetian Casino di Las Vegas uno di questi eventi. Si tratta del “Jennifer Harman Charity Poker Tournament” torneo organizzato dalla famosa giocatrice sponsorizzata da Full Tilt e vincitrice tra l’altro di due braccialetti alle World Series Of Poker sempre molto attiva in questo genere di iniziative.
L’obiettivo è quello di raccogliere fondi da destinare alla Nevada Society for the Prevention of Cruelty to Animals associazione che si occupa di prevenire le violenze sugli animali che come sappiamo avvengono sempre più spesso oltre che in ambito domestico anche da parte di aziende che li utilizzano come cavie.
Il torneo prevede una quota d’iscrizione di $300 + $30 con rebuys da $100 possibili soltanto durante i primi tre livelli di gioco e un solo add-on da $100.
Certa la presenza di celebrità come Dennis Haskins, Cheryl Hines, Lou Diamond Phillips, Michael Godard a cui si aggiungeranno sicuramente moltissime star del poker mondiale.
Un motivo in più per partecipare sarà il premio riservato al vincitore. Chi si classificherà al primo posto infatti riceverà oltre a un orologio Curtis & Co anche un posto per il Main Event delle WSOP.
Insomma un notevole incentivo per chi volesse partecipare unendo così al divertimento e alla beneficenza anche la possibilità di giocare il più importante torneo al mondo.
Fonte: PokerVideo

Rapina all’EPT di Berlino: uno dei sospettati si consegna alla polizia.
Finalmente gli investigatori tedeschi tirano un sospiro di sollievo, i tasselli cominciano a rientrare al loro posto. Uno dei sospettati della rapina al Grand Hyatt Hotel, durante l’European Poker Tour di Berlino, si è consegnato spontaneamente alla polizia.
Sicuramente per arrivare a tanto significa che le autorità tedesche stavano seguendo una pista più che buona e ormai erano arrivati a braccare i malviventi costringendo così uno di loro a costituirsi. Ricordiamo che qualche giorno fa venne arrestato un uomo (sembra di origini arabe) con l’accusa di essere uno dei rapinatori; lo stesso fu però subito rilasciato per mancanza di prove.
L’uomo che nella giornata di ieri si è costituito ed ha dunque ammesso di essere uno dei quattro componenti della banda, ha anche fatto i nomi dei suo complici: Ahmad el-Awayti (20 anni, di nazionalità indeterminata); Jihad Chetwie (19enne di nazionalità tedesca) e Mustafa Ucarkus (a 20 anni, cittadino turco).
Frank Heller, un procuratore tedesco, ha detto alla Associated Press che il bottino, di 242.000€, è stato diviso in parti uguali tra i quattro banditi a seguito della loro audace rapina.
Staremo a vedere se ci saranno aggiornamenti a breve e i colpevoli verranno tutti arrestati, oppure se la cosa andrà per le lunghe.
Fonte: PokerVideo