Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Notizie Calde

Le notizie di oggi

Condividi
Anche oggi, ci sono tanti aggiornamenti interessanti sul mondo del poker:
Pokerstar IPT live: tanti i big nel day 1A.
Tanti i volti noti al Casinò di Nova Gorica, dove è da poco cominciato il day 1A del main event dell’Italian Poker Tour, la ricca manifestazione sponsorizzata da Pokerstars.it. Tra l’altro, come detto in un precedente articolo, si tratta proprio dell’ultima e decisiva tappa per l’assegnazione del titolo di Campione italiano che, tra le altre cose, riceverà anche un cospicuo contratto di sponsorizzazione dalla poker room dalla picca rossa.
Tanti motivi, dunque, che hanno spinto tutti i migliori del circuito ad essere presenti, dagli italiano Daniele Mazzia, Filippo Candio, Alessio Isaia, Pierpeolo Fabbretti, Marco Figuccia (vincitore dello scorso passaggio del circuito a Nova Gorica), Elena Ichim, Gabriele Lepore, Riccardo Lacchinelli, agli stranieri di grande valore come Marcel Luske (fortissimo pro olandese in gara oggi) e Matthew Perrins, rounder inglese al momento in testa alla classifica generale che però con tutta probabilità giocherà nel day 1B.
Finora sono comunque oltre 150 gli iscritti che hanno pagato il buy in di 2,200 euro, ma si prevede che il numero sia ancora destinato a crescere, anche in virtù della tanta affluenza dei vari satellite che si sono tenuti nei giorni scorsi. Ricordiamo infine che la struttura è quella classica delle tappe dell’Italian Poker Tour, con stack di 20,000 chips e livelli di 60 minuti per le prime giornate: insomma, grande giocabilità e molto tempo a disposizione per far valere la propria abilità al tavolo.
Fonte: PokerVideo

Poker on line sul telefonino: presto con “Buongiorno”.
A riportare la notizia è la sezione di Parma del sito de “La Repubblica”, con un breve flash che riporta una interessante novità per gli appassionati italiani del poker. Infatti, dopo le note aperture del ministero che vedranno il via libera ai Casinò online (oltre che la ridefinizione di alcuni aspetti riguardanti il poker online e l’approdo del tanto atteso cash game sulle room .it), sarà un’azienda parmense, denominata Buongiorno (che tra l’altro festeggia i dieci anni di attività) a proporre il primo progetto riguardante il poker sul telefonino.
In pratica, al momento il management dell’azienda sta mettendo a punto gli ultimi ritocchi al software, prima di lanciarlo sul mercato e metterlo a disposizione dei giocatori italiani. Un software che dovrebbe consentire di giocare a poker online direttamente dal telefono cellulare, aumentando la comodità e moltiplicando le possibilità di gioco: sarà possibile così divertirsi anche durante un viaggio, nelle sale d’attesa, oppure quando non si ha la possibilità di reperire un computer e così via discorrendo.
Si potrebbe davvero trattare di un nuovo rivoluzionario sviluppo per il settore e proprio su questo contano i titolari di un’azienda che nello scorso anno ha fatto registrare ricavi per ben 260 milioni di euro e che si è lanciata in questa nuova sfida con una previsione di utili di circa 10 milioni solo per il primo anno.
Fonte: PokerVideo

Gasparri: un Casinò in ogni regione.
“Credo che ogni regione abbia diritto a una casa da gioco, a un casinò e non a quelli ricavati negli hotel di lusso”. Un’opinione netta, quella del senatore Maurizio Gasparri che, nell’intervista rilasciata a Gioco News (la versione integrale sarà pubblicata sul numero di aprile della rivista) dice la sua sulla proposta del ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla di aprire nuovi casinò negli hotel di lusso.
Gasparri, oggi presidente del gruppo parlamentare Il Popolo della Libertà al Senato della Repubblica, prende parzialmente le distanze dal ventaglio di ipotesi prospettate dal ministro Brambilla: “Il mio pensiero su questo tema è semplice: dico sì a nuove sale da gioco ma non in tutti gli hotel o in quelli a cinque stelle. Abbiamo quattro centri di gioco dislocati lungo il confine a Nord dell’Italia ma un’offerta territoriale più omogenea credo che sia la soluzione migliore per questo settore del gioco”.
Fonte: Poker Sky

I grandi campioni di poker si sfidano al PGP.
Si avvicina la prima tappa del Poker Grand Prix 2010 e Saint Vincent riserva subito una grande sorpresa: torna High Stakes Italy! L'appuntamento dal vivo per il più grande show italiano di poker cash game high stakes, è per lunedì 29 marzo, nelle sale del Casinò de la Vallée.
La seconda edizione di High Stakes Italy, la precedente si è svolta lo scorso settembre a Venezia, si preannuncia emozionante e ricca di sorprese. Il tavolo da gioco verrà ripreso dalle telecamere per offrire agli spettatori tutta l'adrenalina del cash game giocato ai massimi livelli (25/50 buy-in min. €10.000). Come nella scorsa edizione Max Pescatori affronterà i migliori professionisti italiani del poker e gli specialisti del poker in versione cash game.
Saranno tante altre le novità che dal 25 al 28 marzo gli appassionati di poker troveranno a Saint Vincent per il primo appuntamento del Poker Grand Prix per la prima volta targato GDpoker, la "casa italiana del poker".
Ancora una volta, nelle sale dell'Hotel Billia, grande emozione, divertimento e atmosfera amichevole, caratteristiche fondamentali di questo circuito di tornei live che è diventato uno degli appuntamenti fissi per i pokeristi. Gli appassionati del gioco online potranno sfidarsi nel nuovo Torneo Flash, dalla struttura veloce, ideale per ricreare nel live l'adrenalina tipica dei tornei online. 
Grande interesse sta già suscitando il Pot Limit Omaha che si giocherà il giovedì. Il Poker Grand Prix sarà l'occasione in cui potranno incontrarsi i giocatori meno esperti (ci sono tornei con buy-in contenuto), i giocatori più agguerriti che si sfideranno sui tavoli del torneo Master e i grandi campioni pronti per l'High Stakes Italy, evento finale di questo nuovo appuntamento della grande festa del poker dal vivo.
Fonte: Affari Italiani

Il Calendario del Poker grand Prix 2010.
Ecco il calendario completo della nuova stagione, che si snoda sulla lunghezza di 7 tappe più il classico Grand Final previsto per il mese di Gennaio 2011.
25-28 Marzo 2010: Saint Vincent;
27-30 Maggio 2010: Saint Vincent;
24-27 Giugno 2010: (sede da definire)
22-25 Luglio 2010: Saint Vincent;
16-19 Settembre 2010: Venezia;
21-24 Ottobre 2010: Saint Vincent;
25-28 Novembre 2010: Saint Vincent;
Grand Final Gennaio 2011: Saint Vincent
Il vincitore del Best 8 della Classifica Generale avrà diritto anche ad una sponsorizzazione per tutti i main event del Poker Grand Prix per la stagione 2011!
Fonte: Affari Italiani

Il "mago del poker" che viene da Palermo.

Fabio Lo Grasso ha primeggiato su circa duemila giocatori che si sono dati battaglia sulla piattaforma di Poker Stars, vincendo la bellezza di cinquantamila euro.
Palermo. Un 10 scende magicamente al flop e “Il mago75” realizza il suo numero vincendo il Sunday Special, il torneo di poker on line col montepremi più ricco in Italia, e portandosi a casa ben 50 mila euro. Il bravo (e fortunato) vincitore è un palermitano di 35 anni, Fabio Lo Grasso, che ieri ha primeggiato su circa duemila giocatori che si sono dati battaglia sulla piattaforma di Poker Stars. Ci sono volute ben 11 ore di gioco, ma alla fine Fabio (meglio conosciuto come “Il mago75”, in onore dell’agenzia di animazione di cui è titolare) ha avuto la meglio vincendo la mano decisiva con Q10. “Gioco a poker da circa tre anni – racconta ancora emozionato Fabio – e per me è veramente una grossa soddisfazione, a prescindere dai soldi. Il Sunday Special infatti, oltre a essere il torneo più ricco, è anche uno dei più difficili perché vi partecipano i giocatori più forti”. Nello stesso torneo un altro palermitano, Andrea Mussumarra, si è classificato settimo vincendo poco meno di 9 mila euro. Il gioco è quello che per ora va per la maggiore: il Texas Hold’em, che in Italia conta più di 5 milioni di appassionati che lo giocano sia on line che dal vivo. Non si tratta di gioco d’azzardo, perché la formula è quella del torneo. Tutti pagano una quota d’iscrizione (massimo 100 euro) e ricevono in dote delle chips. Non appena queste si esauriscono si è eliminati. Insomma sai prima quanto puoi perdere. Fabio, fan sfegatato degli U2, ha anche partecipato a due tappe del campionato europeo. “Sono stato a Barcellona e Sanremo – racconta “Il mago” – ma non sono stato molto fortunato e sono uscito presto”. Adesso ha a disposizione un bel gruzzolo per continuare a coltivare la sua passione. “La settimana prosima parteciperò al campionato italiano che si terrà in Slovenia – dice Fabio – e poi farò un bel viaggetto col mio socio. Ma non ho intenzione di diventare un professionista, il poker per me rimarrà un Hobby”. Un hobby abbastanza redditizio, non c’è che dire.
Fonte: gds.it

La Top Ten di Daniel Negreanu, al secondo posto il Six Handed WSOP.
Siamo quasi giunti al termine del nostro viaggio alla scoperta dei dieci tornei più difficili da affrontare al mondo, compiuto seguendo le linee guida che il grande Daniel Negreanu ha indicato in un recente articolo sul suo blog personale. Ebbene, al secondo posto della World’s Top Ten Toughest Tournaments troviamo un altro evento delle World Series of Poker e precisamente il $25,000 Six Handed No Limit Hold’em.
Si tratta di una gara di altissimo livello, con la solita impeccabile struttura delle WSOP che ben si addice ad un torneo short handed, per vincere il quale occorre dunque il giusto mix fra aggressività (componente principale) e “controllo” del tavolo.
Il field è come sempre di grande valore, anche se sia il buy in abbastanza elevato, sia il fatto che si tratti di un Six Handed (dunque inadatto ad alcune tipologie di giocatori, come quelli estremamente chiusi e conservativi), fanno si che ci sia una discreta selezione e che ogni avversario sia comunque capace di mettere in difficoltà anche un campione come il canadese. Insomma, una gara dura e prestigiosa, che merita di occupare il secondo posto in graduatoria proprio perchè richiede ai partecipanti una maggiore “presenza” nelle varie fasi del torneo, con una selezione diversa delle starting hands e via dicendo…
Fonte: PokerVideo

Rapina all’ EPT di Berlino: un sospettato confessa. Vicina la risoluzione del caso.
Pare finalmente giunta al capolinea l’indagine sui rapinatori dell’ EPT di Berlino. Sjors Kamstra, procuratore capo della polizia di Berlino, ha infatti dichiarato che i rapinatori sono stati identificati e che già sono stati emessi tutti i mandati di cattura. Ad incrementare le speranze di risoluzione, giunge notizia del fatto che uno dei sospettati della rapina al Grand Hyatt Hotel si sia consegnato spontaneamente alla polizia. Pare si tratti di un giovane ragazzo di origini turche che, oltre a dichiararsi colpevole, ha anche fatto i nomi dei suo complici: Ahmad el-Awayti (20 anni, di nazionalità indeterminata); Jihad Chetwie (19enne di nazionalità tedesca) e Mustafa Ucarkus (a 20 anni, cittadino turco). Le autorità hanno diffuse le foto dei sospetti, tutti e tre già noti per precedenti reati.
Non v’è per ora traccia dei soldi. Stando alle ricostruzioni, pare che il bottino di 242.000€ sia stato diviso in parti uguali tra i quattro banditi. Nonostante la reticenza del reo confesso, pare tuttavia che la polizia sia molto vicina all’individuazione della refurtiva, che dovrebbe trovarsi nelle mani di un terzo.
Gli investigatori stanno anche cercando di capire se c’era un complice all’interno del casinò, sospetto sollevato dal fatto che il colpo è avvenuto proprio mentre al casinò-hotel il personale stava trasportando il montepremi di un torneo all’interno di una cassaforte.
Fonte: RivistePoker.com