Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Il Mondo del Poker | Gioco d'azzardo e legge

La Lituania Riconosce il Poker Come Sport

Condividi
La notizia è stata ufficializzata il 20 marzo 2010. Il governo della Repubblica di Lituania ha dichiarato il poker uno sport ponendo le basi non solo per un più ampio riconoscimento del poker come gioco d’abilità e rispettabile forma di competizione, ma offrendo anche al resto del mondo un esempio di come il poker possa tranquillamente essere visto come uno sport simile a tanti altri che non suscitano discussioni in merito alla loro natura.

La notizia è stata rilasciata dal Direttore Generale del Dipartimento Lituano per l’Educazione Fisica e lo Sport, Ritas Vaiginas, che ha contribuito attivamente all’emissione del decreto con il quale il poker è stato ufficialmente riconosciuto come sport e in particolare come disciplina ufficiale della Lithuanian Sports Poker Federation (LSPF) - essa stessa federazione sportiva riconosciuta dallo stato. La notizia dell’approvazione del decreto ha subito guadagnato le prime pagine dei maggiori quotidiani nazionali.

L’LSPF è un’organizzazione che si occupa della realizzazione e promozione di tornei di poker a scopo non commerciale nei casinò di tutto il mondo ed il calendario dei prossimi eventi sarà presto rilasciato per festeggiare l’importante riconoscimento ottenuto. Ovviamente, la prima tappa del tour sarà a Vilnius dal 24 al 26 aprile.

Il presidente dell’LSPF Andrius Tapinas intende dare un forte contributo alla promozione del poker con la sua organizzazione e dato che lavora come presentatore per una popolare televisione privata lituana, le risorse per farlo non gli mancheranno. Proprio lui ha commentato “questo è un passo estremamente importante nel nostro lavoro. Stiamo ricevendo congratulazioni da molti dei nostri colleghi che lavorano all’estero.”