Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | World Series of Poker | WSOP

WSOP Event 16: Carter Phillips Storms Short-Handed NLHE "cerchio dei Vincitori"

Condividi
I giocatori in genere "turn out in force" per i "tornei short-handed", ed il six-handed NLHE tournaments che hanno guadagnato molta popolarità negli ultimi anni. Lanciate uno di quelli sul calendario all'inizio delle World Series of Poker con un minimo di 1.500 $ di buy-in, ei giocatori non esiteranno a giocare. Il Six-handed events consente ai giocatori più action, l'attuazione di una strategia diversa da quella di nine- or ten-handed tables, e l'evidente vantaggio di più disponibilità di posti.

Evento 16 ha portato un totale di 1.663 giocatori ai tavoli nel 2010, che ha riempito il Pavilion ballroom e occupando pure una buona porzione della Amazon room. Quando è stato calcolato il montepremi per il $1,500 buy-in si è mostrata la cifra di $2,245,050, un montepremi che come l'anno scorso pagherà i migliori 162 giocatori circa.

Veramente il primo giorno, ha portato i giocatori ai premi in soldi, infatti solo 142 giocatori restano in gara. Ed attraverso la fine del secondo giorno solo 16 rimangono con le loro chips con in testa Carter Phillips chip leader, ma la competizione va avanti per sedersi al tavolo finale.

Dunque il giorno 3 con questi 16 giocatori si corre verso il tavolo finale, ma lungo la strada escono fuori dalla competizione i seguenti giocatori:

16th place: Jesse Martin ($17,488)
15th place: Michael Meyers ($17,488)
14th place: Conrad Monica ($17,488)
13th place: Matt Zoorob ($17,488)
12th place: Kevin Iacofano ($22,787)
11th place: Matthew Ezrol ($22,787)
10th place: Mark Flowers ($30,420)
9th place: Alexander Wilson ($30,420)
8th place: Mikhail Lakhitov ($41,645)

A questo punto Carter Phillips dominava il chip lead ma uno degli short stack Thong Tran, mette le sue ultime chips al rischio dal bottone con K[c]- J[c]. Bergeron chiama facilmente con A[d]-A[h]. Il board arriva 4[d]-Diaz è stato il primo short stack a muovere. Dall'inizo lui ha puntato tutte le sue chips con A[d]-J[s] e Bergeron era capace di rispondere e vedere con 10[d]-10[h]. Al flop arriva 9[s]-4[c]-10[s] dandogli un tris il 6[s] del turn ed il 7[d] del river segna soltando l'uscita di David Diaz dal torneo alla sesta posizione comunque vincendo $58,483.-9[d]-k[h]-6[c], e Tran è elinato in settima posizione, con $41,645.

Il tavolo finale è stato programmato e spostato verso ESPN staging area. All'inizio non era filmato ma poi ha avuto un buon audience. Al conto delle chip il tavolo si presentavo cosi composto:

Carter Phillips      3,175,000
Craig Bergeron    1,214,000
Russell Thomas   1,075,000
Samuel Gerber    1,057,000
David Diaz            490,000
Hugo Perez           485,000

Diaz è stato il primo short stack a muovere all-in dal big blind con ABergeron risponde con il suo 10[d]-10[h]. Il flop aiuta bergeron portando 9[s]-4[c]-10[s] e dandogli un tris. Il 6[s] del turn ed il 7[d] del river segnano l'uscita di Daviz Diaz alla sesta posizione portandosi a casa $58,483.

Thomas
presto trova se stesso nella battaglia del preflop con Gerber, e quando spinge All-in, Thomas chiama con A[s]-K[d]. Gerber turned over con il suo K[h]-K[s]. Il dealer mostra 4[d]-9[c]-J[h]-9[s]-Q[c]. Russel Thomas esce alla quinta posizione con $84,256.

Perez fa la sua seconda mossa, e muove 385K, rimanendi dallo scontro precedente con Gerber, con Q[c]-8[d], e Bergeron chiama con K[d]-J[d]. Il flop porta J[h]-8[s]-5[s] dando una coppia ad entrambi i giocatori. Il turn è un 3[d] ed il river un 2[d] cosi Hugo Perez esce al quarto posto con $124,690.

Bergerom
stava facendo significativi progressi rispetto ai suoi due avversari, stava sfidando Philips che lo blocca nel suo stack. IL preflop li porta dentro il milione, e Bergeron chiude con All-in con i suoi due 7[d]-7[h] al preflop. Il carter gli aveva dato J[s]-7[s] ma premia al flop il Jack portando J[h]-A[c]-8[h]. Quel 9[s] del turn da qualche possibilità ma il secondo 9[c] al river chiude la mano. Craig Bergeron lascia al terzo posto il torneo con $189,661.

L'heads-up comincia senza il conto ufficale delle chips.

Non è passato molto tempo che Gerber fa la sua mossa. Gerber chiama All-in all pre-flop con Q[c]-8[d] Philips chiama con A[d]-K[c]. Il flop segna 7[s]-A[h]-9[d] dandogli un grosso vantaggio. Il turn J[c] ed il river 5[d] porta Samuel Gerber fuori dal torneo al secondo posto con $298,726.

Charter Philips vince l'evento 16
diventando uno dei giocatori che raggiunge il titolo dell EPT ed un Braccialetto WSOP creato da Steve Stoffa . Cosi con i suoi 21 anni si allontana con $482,774.