Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Notizie Calde

Everest, seconda causa contro Harah's trademak

Condividi
Quando il capo-gruppo di Everest Poker, Ultra Internet Media, ha presentato la sua querela contro iniziale Harrah's Entertainment su 1 Aprile 2010, nessuno si aspettava di sentire molto da entrambi i lati fino a quando la questione è stata risolta. Così, quando una seconda causa è stata fatta il 9 giugno, poche settimane dopo l'inizio del World Series of Poker 2010, la tensione tra le due società è diventata ancora più evidente. La prima causa accusava una violazione del contratto con l'accordo di sponsorizzazione, ma la seconda incentrata su una richiesta di violazione di marchio.

Le basi della motivazione iniziale, è stato l'accordo di $22.5 milioni di dollari siglato tra Ultra Internet Media e Harrah's per fare Everest Poker on-felt sponsor per le world seires of poker 2008-2010. I pagamenti sono stati effettuati a Harrah's per 6,2 milioni dollari nel 2008 e 7,9 milioni dollari nel 2009, ma quando Ultra Internet Media ha ritenuto che il contratto fosse stato violato, hanno trattenuto il pagamento e deposito per il 2010. L'obiezione è stata che il programma francese ESPN, affiliato (sulla rete RTL9) della serie 2009, utilizzava il logo di Full Tilt Poker sui tavoli da poker, invece del logo di Everest Poker. Ma visto il rifiuto di pagare il contratto per il 2010, Harrah's ha presentato una contro-causa alla società.

Appena sono cominciate le WSOP 2010 a Las Vegas a fine maggio, non è stato difficile notare che il logo Everest Poker era sui tavoli e nell'Amazon Ballroom. Questo è quello che ha spinto la più recente azione legale, questa volta presentata da Everest Gaming Ltf, che detiene i marchi in questione. La causa dice che Harrah's sta cercando di controllare il logo Everest e danneggiare la società.

Secondo il Las Vegas Sun, l'azione legale ha affermato: “The felt on the poker tables being used for the 2010 World Series of Poker features at least one of Everest’s Everest Poker logo trademarks. The Everest Poker trademarks also are on display at the Rio as large banners or wall posters, on the ‘inner rung’ of certain tables used for the 2010 World Series of Poker and on television monitors in the casino displaying the schedule of events.” La burocrazia continua a sostenere che: “defendants are refusing to remove the trademarks in an effort to try to force payment by Everest for defendant’s use of such marks, and in order to bolster the legitimacy of the World Series of Poker in the minds of tournament participants, fans and the viewing public.”

Harrah's non ha ancora risposta all'ultima causa, ma in risposta alla documentazione processuale iniziale, ha fatto notare che ha dato a Everest Poker, l'esposizione che ha voluto, facendo notare che le trasmissioni ESPN erano disponibili per oltre 250 milioni di famiglie per oltre 6.000 ore di programmazione, e mostra il 2008 e il 2009 sono stati contratti in più di 170 paesi. Nessuna menzione, invece, è stato fatto delle accuse di sostituire il logo Everest con uno di Full Tilt Poker .

A partire dal 15 giugno, i table felts e i posizionamenti dei banner sono rimasti gli stessi nel Rio Convention Center, dove il logo di Everest Poker era visibile sempre. Tuttavia, ci sono state segnalazioni che alcuni agenti di polizia, in Rio, con le forbici hanno tagliato qualcosa da sotto alcuni tavoli di poker nella Amazon Room, ma non tutti i tavoli, e neanche c'è stato un cambiamento generale disposizione dei tavoli visto l'inizio delle WSOP 2010.