Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Notizie sul poker | Poker Live | Notizie Poker

Tornei di Poker dal vivo: a quando la regolamentazione?

Poker dal vivo
Condividi

La regolamentazione dei tornei di poker dal vivo era prevista per quest’anno, ma ormai se ne parlerà nel 2012 e ci auguriamo che quello che ci attende sarà finalmente l’anno decisivo.

Sono infatti passati tre anni da quando ai circoli di poker live è stata messa la museruola, salvo rare e non ben specificate eccezioni. Nel corso di questi tre anni si è discusso di una nuova regolamentazione che permetta a tutti gli appassionati di poker dal vivo di tornare a giocare nel rispetto della legge.

Si attendeva una svolta risolutiva per il 2011, ma così non è stato e le speranze sono ora riposte tutte nel 2012.

Il problema, purtroppo, non sembra ancora di facile soluzione. E se persino la Corte di Cassazione smentisce se stessa, e lo fa nel giro di meno di un mese, la sensazione è che non sarà semplice approdare ad una nuova regolamentazione in tempi brevi.

Il 3 novembre scorso la Cassazione si era pronunciata a sfavore di un circolo di Palermo, decretando che “il poker è un gioco d’azzardo” e impedendo di fatto l’attività del circolo in questione.

Una ventina di giorni dopo arriva un’altra sentenza, che possiamo riassumere in questi termini: il poker è un gioco d’azzardo, ma è lecito organizzare tornei, dato che, come per il poker online, manca un regolamento che metta dei paletti anche per il poker live.

Il 2011 si chiude quindi come si era aperto: con un sostanziale nulla di fatto.

Sì, perché sin dall’inizio del 2011, il poker live è stato oggetto di sentenze e contro-sentenze da parte del Tar e della Corte di Cassazione.

Anche a gennaio, ad esempio, il Tar della Puglia ha bloccato l’ordinanza sospensiva emessa dalla questura di Lecce verso un club nel quale si giocava a poker live, dichiarando praticamente le stesse cose che, dieci mesi dopo, sono state messe nero su bianco dalla Cassazione.

Possiamo quindi certamente affermare che nel 2011, praticamente, non è stato fatto alcun passo avanti.

Sulla base di queste considerazioni, le speranze per una risoluzione a breve termine sono ben poche. Basti pensare che i Monopoli di Stato non hanno ancora preparato tutti i documenti necessari per arrivare al bando di gara per il rilascio di un migliaio di concessioni legate al poker live.

Ci auguriamo quindi che il 2012 porti ad una chiara regolamentazione senza ulteriori indugi.