Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Esperti

Grinding Online – La gestione del Bankroll

Stampa
Condividi
Come ho detto nel primo articolo di questa serie, la mia prima incursione nel poker è finita male a causa nella mia mancanza di comprensione nella gestione del bankroll. Stavo giocando molto oltre i limiti del mio denaro, e nonostante alcuni precoci successi, un brutto giro di carte, assieme ad un gioco sciatto per tutto il tempo, ha visto il mio account colare a picco verso lo zero.

Mi è sembrato che ci fossero per me due modi di approcciarmi al poker. Il primo è strettamente una forma di intrattenimento, dove perdere il denaro è esattamente l’equivalente di una serata fuori per una partita di pallone o una buona cena. Fino a che puoi disporre di denaro puoi cadere ai tavoli, non c’è molta differenza se vinci o se perdi. Molte persone approcciano Las Vegas in questo modo, pensando che le perdite siano semplicemente una tassa per l’intrattenimento.

Il secondo modo di guardare il poker è come un piccolo business che potrebbe piacerti, mantenere piccolo o trasformarlo in un affare più grande. Uno dei primi consigli che si danno alle persone quando cominciano un business è “non rinunciare al lavoro attuale”. Come in ogni avventura, la strada verso il successo non è una salita piana e regolare. Da questo ne consegue che è essenziale che i tuoi bisogni siano appagati da altre entrate, e che il tuo bankroll di poker sia completamente separato da altri campi. Se riesci a superare il test di non usare le vincite del poker per pagare le bollette, il tuo gioco avrà sicuramente maggor successo, poiché il denaro "spaventato" vince raramente.

Il passo successivo è dare a te stesso un capitale iniziale per il tuo business. A differenza di altre avventure, la cosa bella del poker online è che le tue uniche spese sono il tuo computer, la tua connessione ad Internet e la tassa richiesta dal sito. Qualsiasi altro centesimo può essere investito ai tavoli. Credo che sia essenziale che tu crei un conto separato per te, che sia in banca o altrove, dedicato unicamente al business del poker. Tieni questi soldi lontano da altri conti, in modo che sia semplice tenere traccia di quello che stai facendo. Come ogni business, dovresti anche tenere un foglio di calcolo elettronico per tracciare vincite e perdite. Molti dei maggiori giocatori di successo segnano in un diaro dopo ogni sessione che hanno giocato. Prendono appunti su altri giocatori, e tracciano i risultati finanziari della sessione. Suggerirei di aggiornare i tuoi risultati settimanalmente e tenere sotto controllo qualsiasi elemento di disturbo che potrebbe avvenire.

Una volta che hai determinato quale sarà l’ammontare del tuo capitale, o del bankroll iniziale, puoi usare questo per determinare quale saranno gli stakes nei quali giocherai.

Lasciami fare un esempio: Un mese fa, il mio bankroll era di $1,200 (siccome ho cominciato con soli $50 a Febbraio, questo è un ottimo risultato per il mio investimento). Ho cominciato a perdere i buy-in completi di molte sessioni consecutive di no limit hold’em, quando ogni volta il mio avversario riusciva ad trovare i suoi due outs al river. Se giochi a poker da molto tempo, sai che queste cose succedono, e molto spesso succedono più di una volta in un breve periodo di tempo. Questa è chiamata varianza, e questo aspetto del poker da i suoi rischi.

Quello che dovresti chiederti ora è “A quanto ammontano questi buy-ins completi?” Nel gioco no limit hold’em online un buy-in completo è 100 volte il big blind del tavolo. Se sto giocando blinds da $3-$6, questi due buy-in potrebbero essere il mio intero stack, e potrei andare in rosso. Ho visto innumerevoli giocatori giocare I loro bankrolls in questo unico modo (ricorda, l’ho fatto solo la prima volta che giocavo online!) e andavo via piangendo la loro sfortuna e maledicendo il sito, dimenticando tutti i due outs con cui avevano vinto, e dichiarando di non voler giocare mai più, dicendo che, “Il poker Online è truccato!”

Il vero problema con queste uscite è che quasi il 100% è inevitabile se stai giocando oltre i limiti del tuo Bankroll. Ad un certo punto, quelle puntate cattive ARRIVERANNO e ti faranno CADERE. Comunque, attraverso un oculata gestione del capitale del tuo business, quel mostro chiamato varianza diventerà semplicemente un noioso insetto che può seccarti, ma non farti del danno reale.

Nell’esempio che ho citato sopra, stavo giocando un livello di bui che il mio bankroll supporta completamente, .25-.50 no limit hold’em, con un buy-in massimo di $50. Quindi, le due orribili puntate che mi sono arrivare mi sono costate $100, poco più dell’ 8% del mio bankroll. Non sono certo stato contento di queste bad beat, ma è stato più semplice riderci sopra conoscendo quanto poco del mio stack si fosse in quel momento perso.

Quindi, quali livelli dovrebbero essere giocati in relazione con il tuo bankroll? Nei suoi nuovi libri, Harrington on Cash Games, Dan Harrington suggerisce che, per il gioco no limit, devi dividere il tuo bankroll in 20 parti, e giocare il limite che può permetterti di fare un buy-in completo con ognuna delle parti. Per cui, se avessi $2,000, dovresti cominciare dal livello .50-1, con un buy-in di $100. Aggiungerei che se stai giocando i limit games, potresti usare la ventesima parte per i tuoi buy-in.

Harrington inoltre ti insegna a salire di limitit soltanto quando il tuo bankroll avrà il 50% in più dei buy-in del livello successivo, dato che la qualità del gioco salirà e il gioco sarà una sfida più difficile. Cio’ nonostante, nell’esempio corrente, potresti giocare solo fino a 1-2, con buy-in di $200, quando il tuo bankroll ha raggiunto i $6,000, permettendoti 30 buy-in in quel livello. Questo ti permetterà di correggere il tuo gioco prima che il tuo stake diventi pericolosamente basso.

Dall’altro lato dello spettro, Harrington consiglia anche di scendere di livello quando hai perso il 50% del tuo stake. I suoi suggerimenti sono al momento meno conservatori di altri che ho incrociato, ma credo che siano sensati.
Come ho detto prima, una delle cose buone del gioco online è l’opportunità di giocare anche tornei e di non mettere l’intero tuo bankroll a rischio, come i freerolls. Il mio suggerimento è di stare molto attenti alla somma di denaro che vincerai in relazione al tempo che impiegherai per farlo. A meno che tu non stia cercando di imitare l’azione di Chris Ferguson da $0-$10,000, come che ha speso 4-5 ore per vincere $2 facendo una cosa senza molto senso, oltre che per fare pratica gratis. Dall’altra parte, usare i frequent player points per provare a giocare i satelliti per i grossi eventi, come il Poker Stars Sunday Million o il WCOOP, o approfittare dei freeroll che potrebbero portarti al Main Event delle World Series of Poker, mi sembra un modo migliore di spendere tempo ed energie.

Nel costruire il tuo poker business, è molto importante capire quali sono i punti di forza della tua società, cioè in quali giochi sei più bravo. Mentre potresti diventare proficuo in una grossa varietà di giochi per approfittare di ogni situazione potenzialmente fruttuosa, dovresti tenere d’occhio in quali tipi di gioco vai meglio, e forse ancor più importante, quali causano un calo nel tuo conto. Per esempio, ho visto che la maggior parte delle mie vincite proviene dai tornei no limit turbo di ogni tipo, dal tavolo singolo a quelli da 180 giocatori.Mi pare di essere paziente abbastanza per aspettare che escano i maniaci, e aggressivo abbastanza da battere i duri.
D’altro canto, ho imparato dalla mia prima esperienza, fino ad oggi, che il gioco cash Omaha mi provoca sostanziose perdite. Sto cercando di lavorare per migliorare questo aspetto con l’HORSE, ma non sto spendendo molto tempo nè risorse in un ambito che è come una battaglia ardua.

Infine, è importante decidere quando mettere mani al tuo bankroll crescente e tirar via del denaro per investirlo in altri campi o semplicemente per utilizzarlo per te o per la persona amata per qualcosa di speciale. Se non utilizzi mai i soldi per qualcosa, specialmente per qualcosa di divertente, credo che ci sia una parte di te che comincerà a sabotare il tuo gioco, ed a portare il tuo business in spirale verso il basso.

Nel mio primo, sfortunato giro di poker online, non ho mai ritirato i soldi, e di conseguenza, li ho persi tutti. In questo periodo, ho costantemente prelevato parte delle mie vincite dal tavolo quando stavo giocando male, costringendomi a tornare a stakes più bassi e focalizzandomi su quello che mi fruttava di più. Ho fatto questo due volte, ed ogni volta ho rifatto i soldi che ho ritirato nel giro di una settimana!

Sento qualcuno di voi che borbotta, “Hey! Questa mi pare una scommessa!”

Secondo me, cominciare QUALSIASI attività è una scommessa, specialmente se consideri che più del 90% dei piccoli business falliscono. Ma quelli che hanno successo hanno un progetto, ed il proprietari lavorano per massimizzare il potenziale vincente. Il Poker, secondo me, non è diverso. Più sono le variabili che puoi e riesci a controllare, più è probabile che il tuo poker business crescerà per molti anni e sarà probabilmente una doppia fonte di piacere e profitto.

Ci vediamo ai tavoli!