Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Principianti

Tre mani con Hendrix - #1

Stampa
Condividi
Dopo aver speso gli ultimi mesi discutendo della teoria del poker, ho pensato che sarebbe stato meglio cambiare un po' trascorrendo un mese per parlare delle mani e di come sono state giocate. Per i prossimi due mesi, prenderò cinque mani da un torneo a cui ho partecipato – non soltanto quelle in cui ho vinto, ma anche quelle in cui ho perso – e spiegherò le mie riflessioni alla base delle stesse.

Le mani di oggi arrivano da alcuni round iniziali del Pokerstars Guinness Book of World Records tournament.Con 35,000 giocatori in partenza e con un buy-in di accesso di soli $10+1 la partita è stato molto divertente ed il gioco molto interessante. Non includerò lo storico delle mani perchè ci vorrebbe troppo spazio e non sarebbe corretto nei confronti dei giocatori contro cui ho giocato.

Mano #1

E' stata giocata più o meno all'inizio del torneo con bui di 15/30. Tutti hanno cominciato con 3,000 fiches ed io ero già a 2,715 dopo alcune speculazioni errate. Mi è stata servita una coppia di 2 ed ho limpato in posizione centrale dopo un altro limper. Il dealer, in cutoff, ed il piccolo buio si sono uniti al divertimento ed in sei siamo andati a vedere il flop. Questo ha mostrato K-8-2 si semi vari e mi hanno checkato tutti. Avevo due opzioni qui, checkare o puntare. Se ci fossero state meno persone nella mano, allora avrei checkato, ma siccome eravamo in sei dava una alta possibilità che qualcuno avesse il K e mi avrebbe dato del filo da torcere, chiamando la mia puntata o rilanciando. Con 180 nel piatto, ho fatto una puntata semi-standard di metà piatto, 90 ed ho ricevuto solo un call. Ecco il mio K, ho pensato in quel momento.

Il turn era un 3 di cuori che ha alzato a 3 il numero dei cuori sul tavolo. Non mi sono preoccupato di eventuali progetti di colore ma ero convinto avesse un K. Ho pensato se checkare per cercare di indurre ad un check raise ma il problema con una cosa del genere è che così avrei messo in luce la forza della mia mano e questo avrebbe probabilmente causato un fold del mio avversario. Restando coerente, ho dato la possibilità di chiamare o ancora meglio di rilanciare con una mano perdente. Ho aumentato la posta in gioco, principalmente per incrementarne il valore, a 2/3 del piatto puntando 240 in un piatto da 360. Il mio avversario ha chiamato.

Il river è stato un 2 dandomi un poker. Molti giocatori avrebbero in questa situazione fatto l'errore di checkare. Il prooblema nel farlo è che non è coerente con il modo in cui hai giocato finora la mano e potresti perdere le fiches che il tuo avversario chiamerebbe. E se il tuo avversario ha una mano tipo K-Q o K-J, probabilente pensa che il 2 sia una buona carta per lui e ti mette alla prova. Ci sono 960 nel piatto ora – voglio fare una puntata piccola abbastanza da esser chiamata e convincere il mio avversario a superare la mia. Punto 600 e lui chiama con K-Q e vinco un ottimo piatto. Morale di questa mano: non giocare lentamente le tue mani grosse potrebbe essere il modo migliore per dare loro valore.

Mano #2

Siamo un po' più dentro l'azione e i bui ora sono 30/60 e il mio stack si è ridotto a 3,285. un giocatore relativamente tight in under the gun rilancia a 150 e viene chiamato da un giocatore in posizione centrale. Un giocatore loose ed inesperto che avevo adocchiato come una fonte di fiches effettua un minimo re-raise di 240 totali. È un raise interessante, che non ho mai visto fare da lui prima, per cui o ha delle carte mostruose o sta facendo qualcosa di sciocco. Ho una coppia di 9 e chiamo. Il grande buio chiama così come i primi due giocatori e cinque di noi vanno a vedere il flop.

Il flop è 10-4-4 di semi vari ed è checkato dal nostro pesciolino che punta 240 in un piatto di 1,230. La debolezza mi spaventa e penso che possa avere una mano come A-K o A-Q con cui sta cercando di aggiudicarsi il piatto attraverso una serie di puntate più basse possibili. Chiamo e tutti gli altri foldano.

Il turn è un 6 di quadri e ora il mio avversario fa una puntata ancora più bassa, questa volta punta 120 in un piatto di 1,710. Mi sembra ovvio che non gli piaccia la sua mano, per cui decido di provare a spuntarla con un piccolo raise che sembrerà grosso rispetto alle altre puntate, in tutto punto 600, quindi ulteriori 480. Il mio avversario chiama senza esitazione. Immediatamente comincio a rivedere il mio primo pensiero. Forse questo giocatore è uno di quelli che utilizzano puntate ridicole per indurre al raise. Non ci sono molte persone del genere in giro, ma esse esistono.

Il river è una Q di cuori. Se avesse A-Q, avrebbe perso la mano. Checka. Sono piuttosto sicuro che dopo il turn una puntata in questo caso non fa vincere il piatto per cui decido di vedere lo show down gratis. Se ha una mano peggiore della mia vinco il piatto senza ulteriori rischi per il mio stack. Checko e lui mi mostra una coppia di K ed io non giro la mia mano, fiero di non aver perso di più.

Mano #3

Siamo ora ad un livello successivo e mi trovo a cominciare con sole 1,455 fiches ed i bui a 40/80. Non è un momento di panico, ma se non voglio uscire da questo torneo ho bisogno di far presto qualcosa. Un giocatore molto passivo e loose, limpa in posizione iniziale. Io anche limpo così come il dealer, ho 10-9 serviti e la volontà di ottenere il piatto in qualche modo dopo il flop. Il piccolo buio completa il giro e quattro di noi vanno a vedere il flop.

Il flop è A-5-3 tutte picche. Un completo fallimento, nonostante io abbia il 10 di picche. Tutti checkano ed io li seguo per vedere cosa fanno al turn. Il turn è un K di quadri ed ancora una volta tutti checkano. Questo è il vantaggio di avere una posizione. Per due volte tutti mi hanno detto che a loto non importa per le loro carte e che sperano di vedere un river economico. Io decido di tentare a spuntarla con una puntata di 240 in un piatto di 320. Il piccolo buio chiama così come il giocatore under the gun. Sono sicurissimo che stiano entrambi sperando in un altro picche, o che abbiano qualcosa come K-Q e sperano di migliorare al river.

Il river è 4 di cuori. E' improbabile che qualcuno di loro abbia un due per cui non mi preoccupo della scala. Se uno dei due punta, non ho altra scelta che foldare dato che non ho abbastanza fiches da indurre ad un fold. Entrambi i giocatori checkano. Conosco un solo modo in cui posso vincere il piatto con una puntata. La mia domanda è quanto posso puntare per convincerli a foldare. Un all in è problematico perchè mi lascia senza uscite e anche se sono a terra, sono un fermo sostenitore del “mai bluffare con tutte le fiches”. Ci sono 1,040 nel piatto e mi rimangono 1,135. Con una somma che copre più o meno metà piatto sembra per i miei avversari come se fossi affidabile e pare allo stesso una puntata di valore. È quello che avrei puntato se avessi una mano forte, ed è quello che ho scelto di fare in questa situazione. Ho puntato 480. Entrambi i giocatori foldano ed io mi aggiudico un buon piatto con un 10 alto nonostante avessi uno stack ridotto.

Nella prossima parte, spiegherò altre tre mani dello stesso torneo, questa volta da metà torneo fino a immediatamente prima dell'area bolla.