Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Omaha

Approfondimento sulle Regole dell‘Omaha Poker e della Versione Hi/Lo

Stampa
Condividi
Sei un giocatore online che pratica solo Texas Hold'em ma ti senti attirato dall' Omaha? Hai forse giocato qualche mano di Omaha ma sei incuriosito dalla grande offerta di Omaha Hi/Lo - è davvero una lotteria come sembra?
Dal mio punto di vista, l'Omaha Hi/Lo è divertente e frustrante in ugual misura. Proprio per questa ragione richiede molta più disciplina. E' così facile farsi coinvolgere in ogni mano se non si sa valutarne correttamente il valore che si potrebbe perdere tutto il proprio denaro solo per un'errata valutazione delle mani di partenza.

L'Omaha Hi/Lo è un gioco nel quale si deve passare una grande percentuale delle mani prima del flop.
Nell'Omaha Hi/Lo, il denaro che finisce in ogni piatto può essere vinto con due mani, una basata sulla scala di valori tradizionale (full, colore, scala, coppia, etc) ed una basata sul punto basso (per il quale non esistono concetti di full, colore, scala o coppia). Il piatto è diviso in due tra queste due mani.

Il punto basso si calcola valutando esclusivamente il valore delle carte. I semi devono essere ignorati e non importa se tutte le cinque carte sono consecutive. Una scala non significa nulla per il calcolo del punto basso. Una mano low si compone di cinque carte con denominazione diversa e di valore non superiore ad 8. Il valore più basso è l'asso. La graduatoria delle mani per il punto basso è quella che segue:
Mano Migliore ("The Low Nuts") 5, 4, 3, 2, A
2ª migliore..................... 6, 4, 3, 2, A
3°............................... 6, 5, 3, 2, A
4ª............................... 6, 5, 4, 2, A
5ª............................... 6, 5, 4, 3, A
6ª............................... 6, 5, 4, 3, 2
7ª............................... 7, 4, 3, 2, A
8ª............................... 7, 5, 3, 2, A
9ª............................... 7, 5, 4, 2, A

e così via sino a :
3ª peggiore mano 8, 7, 6, 5, 2
2ª............ .......8, 7, 6, 5, 3
Mano peggiore... 8, 7, 6, 5, 4

Questo significa che le cinque carte comuni devono comprendere almeno tre carte diverse tra queste: 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, A perché vi possa essere una mano bassa in partita. Almeno una persona, inoltre, deve avere due ulteriori carte di valore diverso tra quelle personali servitegli.

Se queste due situazioni non si presentano non vi sono mani valide o "qualifying low hand" ed il piatto sarà vinto per intero dalla persona con la migliore mano alta.
Se si è con un progetto per una mano bassa (ossia, almeno due delle carte personali sono pari a inferiori ad 8 (e di valore differente come 8, A o 7, 4), si deve valutare con grande attenzione la possibilità di entrare nella mano.

La lista riportata sopra vi farà capire che quasi sempre una mano bassa vincente deve contenere un asso.
Quando vi è una low hand valida, il vincitore riceve un massimo pari a metà del piatto. Talvolta, ed è spesso quando due persone hanno la combinazione A, 2, il piatto basso viene diviso e chi vince con queste mani si prende solo un quarto del piatto complessivo. Questo evidenzia il pericolo di concentrarsi sulle mani basse.

Potrete solo e sempre vincere metà del denaro sul piatto con una mano low e spesso anche molto meno.
Questo porta ad un'ovvia conclusione: si deve spesso partire con carte personali che potrebbero contribuire a dare una mano alta vincente.

C'è molto da analizzare nel gioco dell'Omaha Hi/Lo e questo breve articolo ha solo toccato la superficie. Spero però vi abbia dato un'idea di base per poter avere un primo approccio con le partite di Hi/Lo.