Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Principianti

Fold Equity – è sopravvalutata?

Stampa
Condividi
Gli esperti del poker ed i teorici in tutto il mondo spesso parlano di un concetto conosciuto come fold equity e della sua importanza in determinate situazioni. La definizione tecnica per fold equity è il il guadagno che un giocatore di poker ha nel far foldare gli avversari con una puntata. La definizione dei profani è “ ho abbastanza fiches o la mia puntata è grande abbastanza da indurre il mio avversario a foldare?’

La Fold equity arriva spesso in situazioni di short stack e molti giocatori di poker credono che grazie alla fold equity è meglio andare in all in con una più ampia gamma di mani che chiamare con una gamma di mani meno vasta perchè andare in all in ti da due possibilità di vittoria (il fold dei tuoi avversari o la vincita della tua mano) mentreil call te ne da solo una (la vincita della tua mano). Nonostante io sia un grande sostenitore dell’utilizzo della fold equity, molti giocatori complicano le cose passando mani in cui non dovrebbero perchè preferiscono essere i raiser iniziali rispetto a ritrovarsi caller. Questo articolo mostrerà delle situazioni in cui dovresti utilizzare la fold equity durante i tornei e discuterà i momenti in cui dovresti ignorarla.

Fold equity in Pre-flop quando sei primo di mano

Questa è la situazione a cui la maggior parte dei giocatori pensa che sia possibile la fold equity. Uno dei concetti radicati nella mente di molti giocatori è: mai lasciare che il tuo stack si riduca abbastanza dove non hai possibilità di fold equity. Vuoi avere la capacità di indurre la gente a foldare nel momento in cui le mani vincenti incontestate rimuovono l’elemento fortuna presente nel poker.

Per esempio, se i bui sono 500/1000 e gli ante sono 100 ad un tavolo da 9, quale stack potrebbe avere la fold equity e quale no? Molti giocatori chiameranno dal grande buio con qualsiasi due carte quando possno guadagnare 2:1 dei solo soldi o meglio. Ovviamente ci sono eccezioni, giocatori loose chiameranno anche quando possono ottenere di meno e i giocatori tight no. Uno stack di 4,400 metterà nel grande buio 2:1 dei suoi soldi. La ragione per cui i giocatori probabilmente chiamano quando si parla di guadagno di 2:1 è che non ci sono mani con probabilità superiore a 2:1 contro una mano casuale. Anche se hai una mano come KK o QQ, una mano con una carta superiore ha solo minime probabilità di batterti oltre il 2:1.

Perciò, è importante che se andrai ad applicare la fold equity tu abbia uno stack sufficente abbastanza da far foldare il tuo avversario. Di solito avrai bisogno di uno stack di almeno 8-10 volte il grande buio per aprire, primo di mano, ed avere la fold equity. Quali mani dovresti giocare in queste situazioni? Questo dipenderà dalla facilità che hanno i tuoi avversari a chiamare. Se chiamano solo con una ristretta rosa di mani allora la tua gamma dovrebbe essere infinita. Se foldaon 9 volte su 10, ti stai facendo scappare troppe occasioni, decidendo se rilanciare o no rispetto soltanto alla forza della tua mano.

Se il tuo avversario chiama spesso e volentieri, la tua gamma ha bisogno di restringersi e devi avere una mano che puoi giocare con successo contro buona parte delle mani possibili del tuo avversario. Spesso vedo gente che apre spingendo un Asso: questo è un errore perchè una delle mani che probabilmente ti chiamerà è un Asso alto. Potrei spingere anche su mani come 8-7 serviti rispetto a A-5 serviti. Diciamo che vieni chiamato da A-J con entrambe le mani. 8-7 serviti avrebbero solo una probabilità di vincita del 3:2 su A-J. A-5 ne avrebbero 2.3:1. L’unico vantaggio che potrebbe avere un Asso è se viene chiamato da una coppia alta e non esce il terzo, ma non è un fattore forte abbastanza da poter essere considerato mentre giochi.

Fold equity in Pre-flop quando chiami i raise

Quando qualcuno ha limpato, avrai bisogno di più fiches che se avessi rilanciato primo di mano ma questa potrebbe essere la situazione ideale per guadagnare qualche fiches senza troppo sforzo. Infatti , se sto cercando un modo per gonfiare il mio short stack farò meglio a chiamare una puntata dove ci sono già uno o due limpers che se fossi primo di mano. Il mio stack aumenterebbe di più ed i miei avversari mi hanno già detto che le loro carte non sono proprio eccezionali. C’è sempre la possibilità che qualcuno limpi con coppia alta, ma alla lunga questo tipo di gioco è proficuo.

Lasciami fare un esempio per spiegarti:

Hai 12,000 in fiches con i bui a 500/1,000 e l’ante di 100 in un tavolo da 9 persone. Ci sono tre limpers e tu sei al bottone con 8-6 serviti. Ci sono 5,400 nel piatto. Vai in all in per 12,000. Diciamo che 2 volte su 10 sarai chamato e perderai la mano, 1 volta su 10 sarai chiamato e vincerai la mano, e le altre 7 volte tutti foldano (è una approssimazione piuttosto realistica). Qui entra in gioco la matematica.

Perdita 12,000*2=-24,000
Vincita 5,400*7=+37,800
Vincita 17,400*1=+17,400

Il guadagno netto sulle 10 mani è 31,200 o 3,120 per mano che corrisponde ad un aumento dello stack di oltre il 25%. Anche se perdi 3 mani su 10 otterrai comunque un profitto.

Fold equity in Pre-flop con il re-raise

Per rilanciare su un raise, avrai bisogno di avere abbastanza fiches da indurre un fold e i tuoi avversari devono essere in grado di foldare ad un re-raise dopo che hanno rilanciato. Le mani migliori per il re-raise quando sei in short o medium stack sono le mani che hanno di per sè già un valore alto, come A-K/A-Q/K-Q. Andare in all in con queste mani è molto più favorevole che chiamare seplicemente un raise e vedere cosa ci da il flop. Pensaci, se spingi con una delle tue carte, il tuo avversario spesso non ti paga e quando chiamano le tue puntate è perché pensano di poterti battere. Mentre invece se perdi al flop, due volte su tre perderai le fiches che hai messo nel piatto in pre-flop. Andando in all in attribuirai massimo valore alla tua mano tutte le volte che deciderai di sostenerla o che vieni chiamato da una mano più bassa, come K-J o K-10 e puoi vincere i piatti pre-flop se il tuo avversario folda.

Un’altra situazione in cui puoi utilizzare la fold equity con il re-raise è in situazioni di re-steal. Se un giocatore ha rilanciato dall’ultima posizione, un all-in ben progettato può essere una eccellente risorsa di fiches. Come prima, avrai bisogno di abbastanza fiches per indurre al fold e devi conoscere il tuo avversario. Dagli 8 ai 10 grandi bui non saranno abbastanza per effettuare questa mossa, probabilmente avrai bisogno di circa 15 grandi bui.

Fold equity Post-flop

Buona parte delle discussioni sulla fold equity riguarda le decisioni pre-flop, con short stack. Comunque, buona parte del torneo di poker è piena di re-raises e re-steals di giocatori post-flop e la fold equity è un grosso elemento nel determinare quando è meglio giocare il re-raise o il re-steal . Se consideriamo se effettuare un re-raise valutando gli stessi elementi su cui abbiamo riflettuto in pre-flop, ora abbiamo più informazoni su cui lavorare. Sai come si è comportato il tuo avversario in pre-flop e hai il flop che ti aiuta a definire le cose con più chiarezza.

Un ottimo momento per applicare la fold equity nelle decisioni post-flop è quando hai un grosso progetto o credi che il tuo avversario stia bluffando. Per spiegarti di cosa sto parlando, guardiamo l’esempio in cui abbiamo un grosso progetto.

I bui sono 250/500 con un ante di 50. Un giocatore in posizione iniziale rilancia e il giocatore in posizione centrale chiama. Anche tu chiami dal cutoff con 10-9 di quadri e tutti gli altri foldano. Ci sono 5700 nel piatto ed hai 30,000 davanti a te. I due tuoi avversari hanno 25,000 e 50,000. Al flop arrivano 8-7-2 con due quadri che ti danno un progetto aperto di scala più un progetto di colore. Sicuramente un ottimo flop. Il raiser pre-flop punta 5,000 lasciandosi con 20,000. Il giocatore in posizione centrale folda. Qui sarebbe un errore chiamare. Ecco perchè. Diciamo che chiami e al turn arriva una figura non di diamanti. Il tuo avversario ora va in all in e tu devi foldare. Andando in all in o rilanciando al flop, eviti questa imbarazzante situazione. In più, puoi vincere il piatto se il tuo avversario stava solo tentando di arrivare al piatto dopo aver perso. Anche se avessi un progetto fantastico, hai comunue solo un progetto e non c’è niente di sbagliato nel guadagnarsi il piatto al flop. Un altro problema con il call è che se tu spingi il tuo progetto fino al turn, potresti non essere ripagato. Se invece vai in all in e il tuo avversario ti chiama, potresti ricevere il massimo del valore per la tua mano.

Ignorare la fold equity

La ragione per cui la fold equity potrebbe essere in qualche modo sopravalutata è che la gente ci fa troppo affidamento. Uno short stack andrà in all in per 10,000 ed i giocatori con 12,000 e K-Q serviti folderanno perchè non sono i primi di mano. Quando la gente arriva ad avere uno stack ristretto, ha una tendenza naturale ad entrare nel panico e comincia a giocare delle mani che non si sarebbe mai sognata di giocare. Foldare mani come le coppie medio-basse e due figure può essere un errore. Pensala così. Se fossi il primo ad agire dal cutoff con uno short stack ed avessi K-10 folderesti? No, non lo faresti. Diciamo che hai 12,000 in fiches e sei il primo di mano dalla posizione centrale con bui di 1,000/2,000. Di quali carte avresti bisogno per andare in all in? Anche non buonissime, giusto? La probabilità (e che tu ci creda o no, il poker è per lo più un gioco di probabilità) è che K-10 spesso è in testa o comunque in gioco, il che significa che alla lunga risulta spesso situazione +EV . Conosco persone che dicono che è meglio rilanciare che chiamare un raise, ma a volte bisogna solo ignorare la fold equity.

Un ultimo esempio per mostrarti perchè questo concetto è importante.

Hai 15,000 in fiches con i bui a 1,000/2,000 con 200 di ante. Hai aspettato pazientemente una mano da giocare. Hai perso quasi 10,000 negli ultimi due giri foldando. Ti viene servito A-9 al bottone e sei ansioso che tocchi a te per poter andare in all in. Hanno foldato al cutoff che è andato in all in con i suoi ultimi 20,000. “Mannaggia,” pensi tra te e te e cominci a pensare che muckerai.

Aspetta. Non farlo.

Pensaci. Quale potrebbero essere le carte del tuo avversario? Diciamo che il suo modo di giocare è simile al tuo. Con quali carte potrebbbe andare in all in? Qualcosa di peggio che A-9 serviti giusto? Puoi foldare la mano ma, dato che il torneo si avvia alla fine, non è garantito che tu abbia di nuovo l’opportunità di aprire il gioco da primo di mano. Raddoppiare qui potrebbe metterti in condizione di giocare ancora un po’. Chiami, lui mostra 9-8 serviti e tu raddoppi. Questo gioco è semplice.

Non è sopravvalutato, ma...

La Fold equity non è sopravalutata, ne sono sicuro. E’ parte integrante di un torneo di poker e viene considerata in molte delle decisioni che i giocatri prendono nel corso di un torneo. Comunque ciò non significa che dovrebbe essere un fattore predominante in ogni decisione che tu prendi. Il Poker è un gioco dinamico ed ogni mano è differente. Se foldare potrebbe essere il modo migliore per giocare una particolare mano, il call o il raise potrebbero essere i modi corretti di giocare una mano differente. Non rinunciare ad altre possibilità di gioco solo perché non è possibile utilizzare la fold equity e quando applichi la fold equity assicurati di aver fatto la scelta migliroe tra le altre. Potrebbe fare la differenza tra una minima ricompensa ed una vincita enorme.