Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Omaha

Giocare a Poker con Pokerpeaker: sopravvalutare i redraws deboli nell’Omaha

Stampa
Condividi
Puoi sempre riconoscere i giocatori di Hold 'Em ai tavoli di Omaha. Tendono a sopravvalutare le loro mani.

Lo stesso puoi dire dei più avanzati ma comunque deboli giocatori di Omaha. Tendono a sopravvalutare i loro redraws.

Diamo una occhiata.

Sto giocando .10/.25 Pot-Limit Omaha su PokerStars, ed ho J[s] – J[h] – 9[s] – 8[d] in cutoff. Ok, questa non è una mano cattiva del tutto, e potrei rilanciare, ma decido di limpare. Non è un problema per me limpare in Omaha perchè quando rilanci, stai semplicemente costruendo un piatto per qualcun altro se non hitti la tua mano. È difficile convincere la gente a lasciare con i raise pre-flop, in altre parole. E cosa farò a questo punto?

Va bene, il arriva con J[d] – Q[s] – 3[s]. Ottimo. Giusto?

Beh, si, vanno bene. Più o meno. Ho un tris e, cosa più importante, ho un sacco di redraws.

I redraws, in sintesi, sono carte che hai che miglioreranno la tua mano, e nell’ Omaha, sono essenziali per sopravvivere al river.

Infatti, come ho detto prima, ecco perchè le scale floppate non sono neanche lontanamente di valore nell’ Omaha come lo sono nell’ Hold 'Em. Possono arrivare troppe carte che li rovinano, specialmente carte che completano i colori e le coppie sul tavolo, e raramente hai redraws quando hai floppato una scala. Sono difficili da migliorare.

Quindi in questo caso, credevo di essere coperto. Un tris, dopo tutto, ha in sé già i suoi redraws, dato che puoi ottenere un full house con qualsiasi coppia sul board. Ma ho anche un progetto di colore. Un set con un redraw è una delle mani più potenti che puoi avere nell’Omaha.

Il problema, tuttavia, è che dimentico che sia la mia mano che il mio redraw sono deboli. Non ci sono carte con figure, e qualsiasi mano che non ha le figure in Omaha è debole.

Sembra una dichiarazione ovvia. Già posso sentire il tuo : "Duh!" Qualsiasi mano che non abbia figure è vulnerabile in QUALSIASI gioco, si, d’accordo. Ma questo vale specialmente nell’ Omaha.

Non si tratta tanto di sfortuna quando il tuo colore viene battuto da un colore più alto, a meno che il tuo colore non fosse al K. Se sei in progetto, hai davvero bisogno che escano le figure.

E questo è davvero molto difficile da capire per i giocatori di Hold 'Em, ma i tris centrali, anche un tris di J, potrebbe non essere la mano migliore, anche se non si completano neanche i progetti più ovvi.

Per cui mi sono perdutamente innamorato della mia mano perchè avevo tris e redraws, ed ho dimenticato di valutare che entrambi fossero mani che non avrei dovuto considerare imbattibili.

Lo faccio tuttavia. Punto il piatto e il mio avversario chiama.

Al turn vediamo uscire un 10 [c]. Quando il mio avversario punta il piatto, io vado all-in. Quando al river esce il 3 di picche, io mi esalto fino a che non vedo il colore al K del mio avversario.

Oops!

Aveva K[s] – 4[s] – A[h] – 3[d]. Per cui aveva una scala al turn e un redraw per il colore al K. Non mi piace il suo call al flop ma mi piace il fatto che abbia giocato al turn, ed amo anche il suo redraw.

Perché è un redraw che, al contrario della mia mano, non puoi rischiare di sopravvalutare.