Cookies on the PokerWorks Website

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies on the PokerWorks website. However, if you would like to, you can change your cookie settings at any time.

Continue using cookies

Strategia di poker | Strategia per Principianti

Puntare o Rilanciare è meglio che Chiamare – ecco perchè

Stampa
Condividi
Ti sei mai domandato come professionisti tipo Daniel Negreanu e Phil Hellmuth riescono a vincere le mani così bene e così spesso? Sicuramente non perché leggono nella mente delle persone. È perchè hanno visto qualcosa nel modo in cui le persone davanti a loro giocano e/o puntano ed hanno assistito alle stesse situazioni centinaia di volte prima. Qui è dove entra in gioco l’esperienza. Molte persone pensano che essere capaci di fare una lettura psicologica di un giocatore sia il segreto del successo, ma la maggior parte dei professionisti ti direbbero che la chiave è fare puntate che siano ragionate. Essi sono in gamba nel capire la forza o la debolezza della mano del giocatore in base a quanto puntano e/o reagiscono ad una puntata. Ma come lo fanno? Uno dei metodi più efficaci per ottenere una informazione riguardo ad una mano è puntare o rilanciare. Facendolo, stai ponendo al giocatore una domanda. Una domanda a cui deve darti una risposta.

Puntare vs. Chiamare

Uno dei più grandi errori che i giocatori di poker possono fare è checkare e chiamare. E’ un errore fondamentale che può fare la differenza tra un giocatore sempre perdente ed uno vincente. Perché è sbagliato? Perchè la tua puntata o il tuo raise è ciò che definisce la mano dei tuoi avversari. Se fai semplicemente check e call, non avrai davvero idea di cosa ha il tuo avversario. Potrebbe avere un progetto. Potrebbe avere una coppia media. Potrebbe avere scartine. Potrebbe essere in bluff. A meno che tu non punti, semplicemente non puoi saperlo. Puntare e rilanciare ha anche il beneficio aggiuntivo di lasciarti vincere il piatto grazie al fold del tuo avversario. Quando fai check e call, non solo elimini questa possibilità, ma aumenti anche la taglia del piatto e fai in modo che sia facile per loro puntare su di te mettendoti pressione nel prossimo giro.

In più, un altro beneficio di puntare e rilanciare.... specialmente quando hai la posizione... è che se vieni chiamato, il tuo avversario generalmente ti rimanda alla prossima mano. Se sei in progetto, sarai in grado di vedere una carta gratis. Se hai una mano non fortissima, puoi rispondere con check e call ad una puntata sul river. Potresti non essere in grado di chiamare un check raise al turn ma almeno ti sei concesso di vedere uno show down economico.

Puntare

Cosa puoi fare per utilizzare le puntate per ottenere informazioni? Gioca qualche torneo e prova a puntare invece di fare check quando hai una mano di cui non sei troppo sicuro. Diciamo che floppi una coppia media al grande buio contro un giocatore che ha limpato in middle position. Il tuo kicker non è un granchè e normalmente checkeresti. Prova a puntare invece. Se checki, sai che punterà. Allora che farai? Folderai? Chiamerai? Rlancerai? Se punti, anche il tuo avversario folderà perchè non sarà aiutato dal flop (che è il caso della maggior parte delle volte), o chiama perchè è in progetto o vuole giocare contro di te al turn o al river, o invece rilancia perché crede di avere la mano migliore. Se ti limiti al check e call non hai idea di se l’avversario possa battere o meno la tua coppia centrale. Potrebbe avere nient’altro che una coppia di 2 ma siccome stai checkando e chiamando, probabilmente folderai alla sua puntata perchè non sei convinto di ciò che hai creato.

Diamo una occhiata ad una mano per avere un esempio di quello di cui sto parlando:

Siamo in un torneo deep stack cominciato con 438 giocatori. Sono rimasti 304 giocatori e la media degli stack è 14,400 con i bui a 150/300 più 50 di ante. Ci sono tre giocatori coinvolti nella mano. Comincio la mano con 28,125 fiches. Posto 1 è l’unico giocatore al tavolo che ha più fiches di me, con 32,625. Posto 3 comincia la mano con 5,925 .

Mi viene servita una coppia di Q e rilancio 600 a 900 primo ad agire da middle position. Il big stack al posto 1 chiama dal cutoff. Posto 3 anche chiama dal piccolo buio. Il flop arriva con 9s-4s-4c. Posto 3 punta 500 in un piatto di quasi 3500. Invece che chiamare soltanto, per vedere cosa fa il big stack, scelgo di rilanciare per 1) definire la mano del big stack e 2) definire la mano dello short stack. Questo mi darà una idea migliore di quanto siano forti. Rilancio di 1,500 a 2,000. Il big stack risponde con re-raise di 8,000 a 10,000 e lo short stack chiama immediatamente andando in all in con i suoi rimanenti 4,475.

Quando colui che ha puntato all’inizio fa reraise e call prima che tocchi a me, io SO che sono indietro. Lo so perché ho ottenuto informazioni sulla mano dei miei avversari puntando. E’ sicuramente dura foldare, specialmente considerando il board... ma è la scelta corretta. Io foldo. Lo short stack al piccolo buio ha coppia di K. Il big stack ha coppia di assi. Ho evitato di perdere tutto e posso andare avanti nel torneo. Come dice qualcuno, a volte non dipende da quanti piatti vinci... dipende da quanti piatti perdi e quanto perdi. Puntando per ottenere informazioni puoi rendere i fold duri molto più semplici.

Mettere qualcuno in un range di mani

Ora che comprendi come utilizzare le puntate per ottenere informazioni, puoi cominciare a mettere i giocatori in un range di mani. Per capire questo, hai bisogno di prestare molta attenzione a come ogni giocatore del tuo tavolo gioca. Ecco alcune cose che dovresti osservare:

1) Quanto puntano con le mani forti. Fanno sempre puntate grosse, puntano poco o un po’ e un po’?
2) Quanto puntano con le mani deboli. Non puntano affatto? Fanno delle puntate esagerate o estremamente deboli?
3) Quando puntano. Lo fanno solo con mani complete o anche con progetti? Puntano poco quando son forti e tanto quando sono deboli?
4) Con quali mani si limitano a chiamare? Puntano con coppie medie o chiamano? Puntano con progetti o chiamano?
5) Con quali mani rilanciano? Osserva con quali mani rilanciano. Se rilanciano solo con mani complete puoi utilizzare queste informazioni quando sei coinvolto in un piatto con loro.

Osserva, e presto sarai capace di approfittare di qualsiasi mossa facciano. Si limitano al check e call quando ci sono due di un seme sul flop? Potrebbe essere un progetto di colore – falli pagare per questo. Puntano poco e chiamano il tuo raise quando non ci sono potenziali progetti sul board? Probabilmente hanno coppia alta con un cattivo kicker – falli pagare per questo. Chiamano il tuo raise pre-flop e poi checkano al flop dopo che hai checkato e infine rilanciano la tua puntata al turn? Probabilmente si stanno giocando slowplay qualcosa nella speranza di tirarti via più soldi. Hanno fatto una puntata esagerata? Spesso hanno una mano che non vogliono sia chiamata e/o stanno cercando di prendersi il piatto. E cosa ci dice un raise piccolo ma non esageratamente basso sul tuo precedente raise pre-flop? Questa persona potrebbe volere un call perchè ha una mano grossa. E cosa ci dice un raise esagerato sul tuo raise pre-flop? Questo dipenderà spesso dalla persona ma di solito è una mano tipo jacks, dieci, o un Asso alto che fa sentire loro di avere la mano migliore, ma non vogliono realmente vedere il flop.

Questo è un esempio di giocata dove sono stato in grado di spingere qualcuno nella mano in base alle loro azioni. Era lo stesso torneo di prima solo che ora erano rimasti 246 giocatori e la media degli stack è salita a 18,000. Io ho 27,575 ed il mio avversario in questa mano parte con 23,475. I bui sono 200/400 con 50 di ante. Il mio avversario limpa primo di mano dalla middle position e io faccio altrettanto dal cutoff con 5d-4d. Il piccolo buio folda e il grande buio checka. Il flop da Jc-10h-7c.

Il grande buio ed il mio avversario checkano entrambi. Io punto 1,000 cercando di approfittare della posizione per prendermi il piatto. Il grande buio folda e il mio avversario fa un flat call. Questo per me è il segnale che questa persona ha qualche progetto di scala o colore (più probabilmente) o ha una coppia medio/bassa e sta cercando di hittare doppia coppia o tris. Mi checka sul 6h del turn per cui decido di puntare 2,000 per vedere cosa ha. Nota che ho puntato abbastanza perchè non sia considerata una puntata bassa. Il mio avversario risponde con un flat call. Questo mi restringe le sue mani al progetto. Se non arriva una carta da scala o un fiori al river punterò ancora se mi checka, e potrei persino rilanciare se punta. Il river è 4s. Il mio avversario punta 2,000. Questo sembra una di quelle puntate della serie “l’unico modo in cui posso vincere è se punto” . Io rilancio di 4,000 a 6,000 ed il mio avversario folda. Ho vinto un piatto bello pieno con coppia bassa perchè sono stato capace di dare al mio avversario la mano corretta. Quante persone che conosci avrebbero continuato a puntare dopo esser stati chiamati al flop? Ecco cosa fa la differenza.

La prossima volta che affronterai una situazione e vorrai sapere a che punto sei…. Prova a puntare o rilanciare. Sarai stupito da quello che scopri.